Home Attualità Convocazioni docenti per riunioni in presenza non sono legittime

Convocazioni docenti per riunioni in presenza non sono legittime

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Alcune scuole in Veneto hanno emanato delle circolari, datate 4 dicembre 2020, in cui convocano i docenti dei dipartimenti in presenza per svolgere riunioni di catattere didattico. Si tratta di convocazioni illegittime che non eseguono il DPCM del 3 dicembre 2020.

Riunioni svolte solamente a distanza

Il testo dell’ultimo DPCM del Presidente Conte, valido a partire dal 4 dicembre e fino al 15 gennaio 2021 è chiarissimo rispetto le riunioni degli organi collegiali delle scuole. All’art.1, comma10, lettera s) del DPCM pubblicato in Gazzetta Ufficiale di giovedì 3 dicembre 2020è scritto: ” Le riunioni degli organi collegiali delle istituzioni scolastiche ed educative di ogni ordine e grado continuano a essere svolte solo con modalità a distanza. Il rinnovo degli organi collegiali delle istituzioni scolastiche, qualora non completato, avviene secondo modalità a distanza nel rispetto dei principi di segretezza e libertà nella partecipazione alle elezioni”.

Circolari illegittime da ritirare

L’USR Veneto, ma a quanto pare il problema potrebbe riguardare anche altre Regioni italiane, dovrebbe intervenire per fare ritirare delle circolari inviate ai docenti di qualche Istituto Comprensivo, in cui si invitano i docenti a partecipare per due ore pomeridiane, nel mese di dicembre, a riunioni dipartimentali in presenza per strutturare prove parallele da somministrare agli studenti.

ICOTEA_19_dentro articolo

Si tratta di una convocazione illegittima perché contrasta la norma disposta dal Presidente del Consiglio nel DPCM del 3 dicembre.

Preparazione concorso ordinario inglese