Home Generale Coronavirus, docente cinese derisa

Coronavirus, docente cinese derisa

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Lala Hu, ricercatrice di Marketing presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, questo ha scritto sul suo profilo: “Sul #Frecciarossa dopo aver tenuto una lezione ad Ancona, mi faccio strada nella carrozza per scendere. Alla mia vista, 2 passeggere ridacchiano e fanno commenti. Dico loro che sono ignoranti e dovrebbero vergognarsi. Si meravigliano che io possa capire e ribattere”.

Razzismo

La prof -racconta Il Messaggero- trova il supporto dei residenti digitali, like e retweet per un argomento che la docente che si divide tra Milano, Venezia e Shanghai amplia così: «Non sono preoccupata per me o altri che hanno sviluppato anticorpi a #razzismo, ma per chi non ha strumenti per difendersi. In Altopolesine 2 fratellini non possono andare a scuola nonostante siano risultati sani perché i genitori compagni ‘non vogliono bambini cinesi’».

Tanti casi in Italia

La professoressa di marketing ricorda altri casi apparsi nelle pagine di cronaca italiana: «Il giocatore 13enne di calcio a cui viene augurato di prendere il virus, la studentessa sul treno che riceve sputi e così via. Il dramma del #coronavirus preoccupa le persone di origine cinese come italiani e tutti, ma ciò non giustifica intolleranza e violenza di ogni sorta».

ICOTEA_19_dentro articolo
Preparazione concorso ordinario inglese