Home Contabilità e bilancio Coronavirus scuole, slittano di 30 giorni le scadenze del conto consuntivo

Coronavirus scuole, slittano di 30 giorni le scadenze del conto consuntivo

CONDIVIDI
  • Credion

In considerazione della situazione straordinaria di emergenza sanitaria venutasi a determinare e della oggettiva necessità di alleggerire i carichi amministrativi delle segreterie scolastiche, anche mediante un dilazionamento degli adempimenti e delle scadenze, si dispone che in via eccezionale, d’intesa con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, i termini di cui all’art. 23 commi 1, 2, 3, 4 e 5 del Decreto Interministeriale 28 agosto 2018, n. 129 sono prorogati di 30 giorni.

Questo è quanto si legge nella nota che il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato in seguito all’emanazione del DPCM 8 marzo 2020. LEGGI LE NUOVE DISPOSIZIONI OPERATIVE

Icotea

La proroga dei termini concerne il conto consuntivo.

Quindi per le scuole slittano di 30 giorni le seguenti scadenze:

  • Predisposizione da parte del DSGA del conto consuntivo, corredato dalla relazione illustrativa, prevista entro il 15 marzo (entro la stessa data il conto consuntivo è sottoposto dal dirigente scolastico all’esame dei revisori dei conti)
  • Parere dei revisori entro il 15 aprile
  • Approvazione da parte del Consiglio di Istituto entro il 30 aprile
  • Trasmissione all’Ufficio scolastico regionale, entro il 10 giugno, del conto consuntivo, approvato dal Consiglio d’istituto in difformità dal parere espresso dai revisori dei conti.
Leggi anche

Coronavirus e didattica a distanza, è obbligatoria? E se il docente non è in grado? Come si valuterà l’alunno?

TUTTE LE INFORMAZIONI SUL CORONAVIRUS