Home Archivio storico 1998-2013 Generico Costituzione nei programmi: stop della Bastico

Costituzione nei programmi: stop della Bastico

CONDIVIDI
  • Credion

Ha preso avvio questa settimana in Commissione Istruzione del Senato l’esame del disegno di legge promosso da Albertina Soliani e altri parlamentari di maggioranza per attribuire al Governo una delega per la promozione della cultura e dei valori costituzionali nella scuola italiana.
Già dalle prime battute sono però emerse alcune contraddizioni.
E’ stata infatti la stessa relatrice di maggioranza Giovanna Capelli (Rifondazione Comunista) a fornire l’occasione al Vice-Ministro per intervenire su una questione di metodo di carattere generale.
Nel presentare il provvedimento, la senatrice di Rifondazione si è soffermata sui principi ai quali la delega deve ispirarsi, ed in particolare sull’inserimento obbligatorio nel curriculum e nel Piano dell’offerta formativa di progetti che diffondano la storia e il contenuto della Costituzione.
Ora, senza nulla togliere alla necessità di diffondere fra gli studenti una miglior conoscenza della nostra Carta Costituzione, definire per legge i contenuti del Piano dell’offerta formativa non sembra essere una operazione che valorizza l’autonomia scolastica come per altri versi la stessa maggioranza di Governo dichiara di voler fare.
Ed è stata proprio il vice-ministro Mariangela Bastico ad intervenire in tal senso,
precisando che il provvedimento prevede una delega al Governo con il risultato di legificare la materia dei programmi scolastici (“tradizionalmente riservata a fonti di rango secondario” ha sottolineato Bastico).
Il vice-ministro è andata anche oltre osservando che “in un solo caso i programmi sono stati oggetto di disciplina attraverso fonti primarie, quando cioè le Indicazioni nazionali sono state allegate ai decreti legislativi attuativi della legge Moratti”.
La conclusione della Bastico è stata netta: “E’ una forzatura utilizzare lo strumento del decreto legislativo al fine di inserire un solo insegnamento all’interno dei programmi didattici, tanto più che esso ha un carattere trasversale e multidisciplinare”.
Il vice-ministro ha quindi invitato relatrice a sospendere l’esame del disegno di legge ed ha suggerito alla Commissione di elaborare un atto di indirizzo al Governo che recepisca i contenuti di legge.
Sulla proposta della Bastico si sono espressi favorevolmente diversi senatori dell’opposizione e questo fa pensare che il cammino del disegno di legge è ormai segnato.