Home Disabilità Costretto a cambiare scuola perché autistico

Costretto a cambiare scuola perché autistico

CONDIVIDI
webaccademia 2020

«I nostri figli non sono badanti o medici. I nostri figli sono troppo piccoli, non possono stare vicini a lui…».

Matteo  allora è stato isolato, coi suoi genitori, e così è stato costretto a cambiare scuola. «Non potevo permettere altre umiliazioni a mio figlio e nemmeno noi le meritiamo – dice adesso il papà di Matteo, che fa l’operaio – Abbiamo deciso di cambiare scuola tra enormi difficoltà. Questa storia, però, va chiarita. Per mio figlio, per noi e per chi si trova nelle nostre stesse condizioni».

 

ICOTEA_19_dentro articolo

 

{loadposition libro-bes}

 

 

Tuttavia, scrive Il Secolo XIX, a creare il vuoto attorno a Matteo sono i genitori dei suoi amichetti. Quando a casa il racconto di un bambino per un abbraccio troppo energico si trasforma in maltrattamento. Una parolaccia in una catastrofe senza rimedio. E proprio quei genitori scrivono alla scuola, all’insaputa di papà e mamma di Matteo.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese