Home Politica scolastica Crisi di governo all’orizzonte? Rumors su rottura Lega-M5S

Crisi di governo all’orizzonte? Rumors su rottura Lega-M5S

CONDIVIDI

Il governo Conte sembra appeso ad un filo. Nelle ultime ore sono diventati sempre più insistenti i rumors che vogliono la crisi di governo e le urne a fine settembre.

Il ministro dell’Interno e leader della Lega, Matteo Salvini, è appena sbarcato a Roma proveniente da Helsinki e pare, secondo indiscrezioni giornalistiche rilanciate anche da Lettera43, che abbia chiesto un incontro con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Voci insistenti di un incontro che dal Quirinale però non confermano.

Nel pomeriggio, intanto, aveva tuonato contro il Movimento Cinque Stelle e Luigi Di Maio: “Oltre questo governo ci sono solo le elezioni, la finestra elettorale è sempre aperta. Domani non vado al consiglio dei ministri, non pare ci sia nulla di eclatante, né al vertice delle autonomie”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il Movimento Cinque Stelle ha risposto tramite un post nel Blog delle stelle. “Ora ci attaccano, come spesso fanno per sviare l’attenzione e accendere i riflettori su qualcosa di meno imbarazzante. Ma sono stati proprio loro ad ammettere questa ‘strategia’; una mossa che però non fa certo gli interessi degli italiani. Detto altrimenti, hanno sostenuto la volontà italiana di pesare in Europa per cambiare le regole, salvo poi fare marcia indietro quando non hanno ottenuto garanzie sulla poltrona di Commissario a cui guardavano dal giorno dopo il voto di maggio. Vogliamo fermare la serie di menzogne che leggiamo in questi giorni e vogliamo fare chiarezza perché, come spesso accade, la verità è una cosa semplice: e i cittadini hanno il diritto di conoscerla”.

Per votare in autunno (entro fine settembre – primi di ottobre) la scadenza è fissata per questo week-end.

La situazione politica è incandescente: dopo il voto a Strasburgo a favore di Ursula Von Der Leyen le ipotesi di una rottura sono sempre più solide così come la possibilità di un Conte bis con la convergenza di M5S, Pd Forza Italia.

Gli scenari, però, variano da minuto a minuto e non è esclusa nulla.

Leggi anche

Regionalizzazione, comunque vada qualcuno uscirà sconfitto: Conte convoca un nuovo vertice