Home Politica scolastica Crisi di Governo: Conte si dimette e parla anche di scuola

Crisi di Governo: Conte si dimette e parla anche di scuola

CONDIVIDI

Nel discorso pronunciato al Senato per annunciare le proprie dimissioni, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha dato spazio anche ad alcune considerazioni sui problemi della scuola e dell’istruzione.
Conte ha legato il suo intervento ai giovani, sottolineando l’importanza di offrire ad essi le occasioni importanti per restare nella propria terra: “Occorre lavorare per offrire ai nostri giovani giuste opportunità di vita personale e professionale. Ogni giovane che parte e non ritorna è una sconfitta per il futuro del nostro paese. Se non riusciremo a trattenerli esporremo l’Italia ad un destino di inesorabile declino”.
Conte ha proseguito affermando: “Le nostre scuole devono diventare laboratorio di apprendimento dove, il come imparare deve essere ben più importante del cosa imparare e i nostri giovani devono conservare l’attitudine a migliorare costantemente le proprie conoscenze”.
Una dichiarazione importante che richiama una delle competenze chiave europee “imparare ad imparare”. Non è mancato neanche nel Presidente un riferimento al mondo del digitale, considerato la bussola del futuro: “E’ necessario – ha detto infatti Conte – orientare tutto il sistema di formazione verso le competenze digitali che saranno sempre più richieste anche nel mercato del lavoro”.
Un’ultima considerazione è stata dedicata al mondo della ricerca, che andrebbe potenziato “realizzando un sistema di coordinamento più efficace fra università ed enti di ricerca anche attraverso una agenzia nazionale”.

CONDIVIDI