Home Attualità Crollo delle iscrizioni ai professionali mette a rischio la ripresa economica

Crollo delle iscrizioni ai professionali mette a rischio la ripresa economica [VIDEO]

CONDIVIDI
  • Credion

Le iscrizioni agli istituti professionali sono in calo drammatico: nel 2014/15 più del 19% degli alunni che terminavano la scuola del primo ciclo si iscrivevano ad un professionale, l’anno scorso la percentuale era del 13% e quest’anno è scesa ancora al 12%.

“La ripresa economica del nostro Paese – ha osservato però nel corso di una intervista a Radio Cusano Campus Gabriele Toccafondi, capogruppo di Italia Viva nella Commissione Cultura della Camera – passa però anche da questi istituti. In Italia, infatti, mancano tantissime figure professionali che le imprese cercano ma non riescono a trovare, mentre il numero dei giovani disoccupati rimane in questi anni, purtroppo, stabile e tragicamente alto, al 30%”. “Con il paradosso – aggiunge Toccafondi – che dentro gli istituti professionali l’abbandono scolastico è alto: 10% e 20.000 aziende cercano ma non trovano persone da assumere per mancanza di competenze. Dobbiamo assolutamente lavorare per invertire la tendenza, per far incontrare domanda ed offerta e, in questo senso, abbiamo iniziato un percorso con la legge 107 e con il decreto 61 del 2017. C’è, però, ancora tanto da fare e dobbiamo correre. Gli istituti professionali sono fondamentali sia per i ragazzi che per il sistema produttivo italiano”.