Home Generale Cyberbullismo, lo spot degli studenti dell’ IC “Walter Iozzelli” di Monsummano Terme...

Cyberbullismo, lo spot degli studenti dell’ IC “Walter Iozzelli” di Monsummano Terme (PT)

CONDIVIDI

L’IC “Walter Iozzelli” di Monsummano Terme (PT), ha realizzato uno spot dal titolo “Il silenzio dei giusti” per dire basta al cyberbullismo. A spiegare con un comunicato l’iniziativa ci pensa la professoressa Giulia Fiore, responsabile del progetto:

“L’indifferenza di coloro che sanno, ma rimangono lì a guardare” è la malattia più grande di cui siamo vittima oggigiorno. E dobbiamo combatterla prendendo una posizione, parlando senza aver paura. “No al bullismo!” è il forte grido che hanno urlato i ragazzi dell’IC “Walter Iozzelli” e che dobbiamo urlare tutti.

Icotea

Si intitola “Il silenzio dei giusti” lo spot ufficiale contro il cyberbullismo 2018 a cura dell’IC “Walter Iozzelli”, la cui proiezione e presentazione si è tenuta lo scorso 6 febbraio presso i locali della scuola media situata in piazza Ugo La Malfa a Monsummano Terme, durante la giornata mondiale della sicurezza in rete, che il Miur ha dedicato al contrasto del bullismo e cyberbullismo nelle scuole.Lo spot si trova all’interno del Safer Internet Day (SID 2018), Piano di Prevenzione Nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo in Italia.

“La strategia del nostro intervento si è basata sullo sviluppo di una innovativa campagna di sensibilizzazione, in grado di incentivare i giovani al contrasto del fenomeno del bullismo, –racconta Alberto Ciampi, vicepreside dell’istituto- e introdurre e utilizzare strumenti di interazione e partecipazione che favoriscano la diffusione del dibattito sulle tematiche oggetto delle attività”.

“Prima di effettuare le riprese, abbiamo ritenuto opportuno parlare in classe dei pericoli della rete, istruire gli alunni in merito alle strategie comportamentali per ridurre i rischi di esposizione –spiega il professor Gionata Pucci, dello staff esecutivo del progetto- . Una sensibilizzazione su quelli che sono i pericoli della rete nel subire comportamenti o atteggiamenti che danno fastidio, che umiliano, che fanno male ”. E proprio questi sono i motivi che sono alla base della creazione del progetto: riuscire a far interagire insegnanti, studenti e genitori su questi temi delicati ma più che mai attuali, anche in modo divertente come può essere la realizzazione di un videoclip, ma sempre in modo serio e istruttivo.

La musica e le parole che sono state usate come colonna sonora per lo spot, intitolata “Wild side”, sono a cura del maestro Roberto Cacciapaglia, compositore e pianista italiano, protagonista della scena musicale internazionale innovativa. Protagonisti dello spot, la cui regia è di Guglielmo De Renzis, sono le classi 3^A e 3^B insieme ai genitori, che hanno aderito con entusiasmo e partecipazione alla realizzazione del progetto: Loredana Catania, Alessandra Rigo, Stefania Galloro, Leonardo Baronti, Domenico Siciliano, Giacomo Bertini e Natasha Bichicchi. “I genitori sono figure importantissime, –ci raccontano- scuola e famiglia sono i centri primari che ruotano intorno all’educazione dei ragazzi. Bisogna saperli ascoltare e riuscire a leggere ciò che provano, anche quando dicono che va tutto bene o restano in silenzio”. L’evento conclude una serie di incontri previsti dall’istituto sia per la scuola media che per le classi della primaria, organizzati da Elisa Sorini, referente Bullismo IC Iozzelli, in collaborazione con l’arma dei carabinieri di Monsummano Terme, il cui relatore è stato il comandante Antonino Orlando.

Giulia Fiore, responsabile del progetto dichiara che “il filo conduttore degli interventi educativi che abbiamo pensato per la prevenzione del bullismo è imparare a mettersi nei panni dell’altro e a riconoscere le emozioni, proprie e quelle degli altri. Insieme all’intero corpo docente, abbiamo deciso di affiancare ai metodi di istruzione classici, anche l’utilizzo di strumenti moderni che i nostri studenti amano e usano, rendendoli positivamente protagonisti”.

Alla proiezione dello spot, è seguita l’inaugurazione del murales “Albero della vita e le foglie della conoscenza”, e della nuova scritta “Walter Iozzelli” dedicata all’illustre ex primo cittadino toscano. Il lavoro è stato svolto dalle classi terze sotto la supervisione delle professoresse Giulia Fiori e Claudia Lepori, in collaborazione con tutti i docenti e i collaboratori scolastici Ambra Alderotti e Mario Trafficante. L’esposizione del murales e dei lavori svolti dagli studenti, che si trova al piano terra con striscioni, cartelloni e slogan anti bullismo, è aperta al pubblico.

“Vogliamo piantare più semini possibili, offrire loro più alternative possibili e se anche solo uno di quei semini germoglierà, allora nulla di quanto da noi fatto, sarà stato fatto invano –continua Giulia Fiori- . Mi preme sottolineare che nulla sarebbe stato possibile senza la collaborazione dei genitori, molti hanno partecipato alla riprese, e voglio ringraziare Marco Briganti della Parallelo Web che ha offerto i manifesti, e Dino Stentati della Stentati Design di Monsummano Terme per aver offerto la pittura per il murales”.

Numerosi gli ospiti presenti: tra questi, Luca Buccellato vicesindaco di Monsummano Terme; Elena Sinimberghi assessore alla cultura del comune di Monsummano; la dirigente dell’ufficio scolastico della regione Toscana, dottoressa Laura Scoppetta; il maestro Alessio Tanturli della scuola di arti marziali Toscana Chen Sport e Bullismo; Nicoletta Lapardi, rappresentante d’istituto dei genitori e i genitori degli alunni delle classi 3^A e 3^B.

Presenti alla cerimonia anche alcuni rappresentanti delle forze dell’ordine: il comandante dell’arma dei carabinieri della stazione di Monsummano, dottor Antonino Orlando; il comandante della polizia municipale di Monsummano, dottor Vinicio Vannini; il presidente dell’associazione nazionale dei carabinieri di Montecatini, tenente Mario Magari; il commissario di polizia di Montecatini, dottoressa Mara Ferasin; il vicario del questore di Pistoia, dottor Giampaolo Patruno.