Home Politica scolastica D’Attorre: oggi il Pd sembra Forza Italia, ma non lo lascio

D’Attorre: oggi il Pd sembra Forza Italia, ma non lo lascio

CONDIVIDI

“Nessuno di noi è stato eletto per fare alcune delle cosiddette riforme che il governo ha portato avanti finora”. Così dice Quotidiano nazionale, Alfredo D’Attorre della minoranza Pd.

“Fino alle Europee – spiega D’Attorre – Renzi ha fatto cose positive: gli 80 euro, l’aumento della tassazione sulle rendite finanziarie, il tetto agli stipendi dei manager pubblici. Dopo, ha perso la strada maestra. Sulla scuola. Su Costituzione e legge elettorale. Sul fisco. Per non parlare del lavoro”.

Icotea

La critica è aspra, ma D’Attorre non lascerà il Partito Democratico: “Legittimo chiedere, legittimo ribadire che io lotto nel mio partito per evitare uno snaturamento definitivo. Non voglio diventare militante di un soggetto di centro che guarda a destra più volentieri che a sinistra. Mi batto per riaprire la prospettiva di un centrosinistra di governo”.

“Io dico – prosegue – che non può essere che il Pd attui una parte del programma che Forza Italia non era riuscita a imporre negli anni scorsi. Toccava a noi demolire l’articolo 18? O dare al preside il potere di scegliersi i docenti? Senza mai riconoscere il valore del confronto con le parti sociali”.

Per l’esponente Pd, “queste cosiddette riforme sono state fatte in contrasto con il programma sul quale siamo stati eletti e senza che questo governo sia nato da una legittimazione popolare diretta”.

Evidentemente, però, tutto questo non basta ancora per lasciare il partito.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola