Home Archivio storico 1998-2013 Ordinamento Da Auschwitz alla svastica, il razzismo prende quota?

Da Auschwitz alla svastica, il razzismo prende quota?

CONDIVIDI
  • Credion

“Se fossi stata ad Auschwitz saresti stata attenta”, così la prof alla studente “rea” di essere distratta da un forte mal di testa. Alle parole dell’insegnante, la classe prima resta sbigottita, poi prende le difese della compagnia: “Professoressa lei è razzista”.
“Non sono antisemita, ma nella scuola italiana non c’è più la disciplina di una volta” ha tentato, come racconta il quotidiano “La Repubblica”, di difendersi l’insegnante. Niente da fare: tre alunni, fra cui la studentessa offesa, hanno minacciato di disertare le lezioni. E la faccenda è finita davanti alla preside della scuola che ha aperto un’istruttoria.
Convocata l’insegnante, l’alunna e la madre di quest’ultima, si è quindi tentato di arrivare a un chiarimento: “Ho detto quella frase per indicare un posto organizzato, dove regna l’ordine” ha provato nuovamente a spiegare la professoressa, riuscendo però solo a radicalizzare ancora di più le contrapposte posizioni. Anche la Comunità ebraica romana è intervenuta, provando a far incontrare nuovamente le parti: ma alla fine, fra toni sempre più tesi e la minaccia di portare la questione di tribunale, la professoressa, in considerazione anche di un vecchio incidente, ha deciso di mettersi in malattia, in attesa della ormai prossima pensione.
Per i compagni di classe della ragazza è arrivato intanto il plauso della Comunità ebraica di Roma: “La cultura di questi ragazzi che sconfigge l’indifferenza – ha detto Riccardo Pacifici, presidente della Comunità – credo che meriti di essere premiata, come accade ogni 27 gennaio al Quirinale. Come Comunità ebraica ci faremo promotori di segnalare questo splendido episodio di altruismo alla Presidenza della Repubblica”.
E fuori dal liceo Tasso di Roma spunta una svastica, come denunciato da Elena Improta, vice presidente dell’Anpi di Roma e Lazio
Esponenti di Forza Nuova e Lotta studentesca hanno distribuito volantini che riproducono il simbolo di Terza Posizione con la runa Wolfsangel nazista, fuorilegge dal settembre 1980 e assieme al volantinaggio è apparsa una svastica sui muri della scuola.
“Il ritorno di questo simbolo, utilizzato dal gruppo terroristico di estrema destra e’ un atto gravissimo, soprattutto davanti a una scuola, che e’ luogo di educazione e formazione, come volantinare in pubblico con il simbolo delle Brigate Rosse”, afferma Improta. “Chiediamo alle forze politiche e sociali di intervenire, e siamo a disposizione delle forze dell’ordine al fine di arginare questa pericolosa deriva”, conclude la vice presidente dell’Anpi di Roma e Lazio