Home Archivio storico 1998-2013 Generico Dai militari di leva all’esercito dei professionisti

Dai militari di leva all’esercito dei professionisti

CONDIVIDI
  • GUERINI


E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 28 agosto scorso il decreto legislativo n. 236 contenente disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo n. 215, 8 maggio 2003, sulla trasformazione progressiva dello strumento militare in professionale.

Il provvedimento introduce correttivi in materia di attività dei consigli di leva, profili sanitari e disciplina dei concorsi, nonchè nuove disposizioni per la carriera dei militari coniugati. Di rilievo gli incentivi all’arruolamento per un anno come volontario nelle forze armate, quale requisito di assunzione in polizia, nei carabinieri, nella polizia penitenziaria, nel corpo forestale e nei vigili del fuoco. In particolare, per l’Arma dei Carabinieri, il provvedimento prevede una quota del 40% dei posti annualmente disponibili per gli ufficiali in ferma che hanno prestato servizio senza demerito per almeno 18 mesi.

Per quanto riguarda i servizi di leva, dal 1 gennaio 2004 al 31 dicembre 2006 sono chiamati a svolgerlo i nati entro il 1985. Mentre è demandato ad un successivo decreto del Ministro della Difesa stabilire l’ultima chiamata alla leva che porrà fine all’attuale regime transitorio e trasformerà le nostre forze armate in un esercito di professionisti, anche se Comuni e Autorità consolari continueranno ad aggiornare periodicamente le liste di leva.