Home Attualità Dall’Ucraina altri bambini nelle nostre scuole, per loro anche assistenza psicologica

Dall’Ucraina altri bambini nelle nostre scuole, per loro anche assistenza psicologica

CONDIVIDI

Mentre prosegue il flusso di migranti in fuga dalla guerra, per 12 bambini ucraini dai 6 ai 12 anni sono i primi giorni di scuola in Italia, a San Lazzaro, nel bolognese.

“Sono tutti molto emozionati” dice una mediatrice, specie quando vedono i loro coetanei che cantano e sventolano le bandierine dell’Ucraina.

Icotea

Ospiti con le loro mamme (in patria papà e nonni), all’ex Covid hotel, all’arrivo a scuola hanno trovato pronto uno zaino, con quaderni, penne e astuccio, tutto materiale donato dai cittadini di San Lazzaro. La scuola è questo.

La sindaca di San Lazzaro Isabella Conti si predispone all’accoglienza anche dei più piccoli: “Tra qualche giorno avremo l’inserimento nella scuola dell’infanzia e siamo certi che anche attraverso la scuola e il dialogo con i loro coetanei, si possa far sentire questo senso d’accoglienza. Ai bimbi che abbiamo accompagnato questa mattina ho detto che c’erano tanti amici che non vedevano l’ora di incontrarli e che si sarebbero sicuramente trovati bene”.

Assistenza psicologica

Ma il piano di accoglienza e solidarietà voluto dal ministro dell’Istruzione Bianchi, avverte la sindaca, non potrà prescindere dall‘assistenza psicologica, poiché l’amicizia con i compagni di scuola curerà certo alcune ferite interiori, ma non tutte. 

Lo stesso ministero dell’Istruzione ha previsto esplicitamente il ricorso all’assistenza psicologica, come abbiamo anticipato. In una NOTA del 4 marzo, infatti, il MI evidenzia come la gravità e la repentinità degli eventi occorsi possano aver determinato, soprattutto sui più piccoli, ricadute traumatiche che necessitano di adeguato supporto psicologico. A tal fine, le scuole potranno impiegare i fondi destinati dall’art. 1, comma 697, della legge 30 dicembre 2021, n. 234 (Legge di Bilancio 2022), per fornire assistenza psicologica anche agli studenti e alle famiglie ucraini il cui disagio connesso all’emergenza epidemiologica è stato pesantemente aggravato dagli eventi bellici patiti.

LA NOTA