Home Politica scolastica DdL, Giannini spiega il nuovo testo ai sindacati. Ma i nodi restano

DdL, Giannini spiega il nuovo testo ai sindacati. Ma i nodi restano

CONDIVIDI
  • Credion

“Oggi era importante darvi direttamente una visione complessiva del provvedimento in discussione al Parlamento in un’ottica di dialogo e condivisione”. Con queste parole, il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, ha avviato l’incontro a Palazzo Chigi con i sindacati della scuola: subito dopo ha riepilogato i contenuti della riforma e gli emendamenti approvati dalla Commissione Cultura della Camera.

La riunione è ancora in corso, ma non sembra che l’intento del Governo di avere maggiori consensi sulla riforma abbia condotto ad un esito positivo. Dopo i leader di Cgil e Cisl, anche il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, presente all’incontro, ha detto di aver “apprezzato gli sforzi del Governo per apportare modifiche, ma sono insufficienti”. Specificando che “precariato, valutazione e contratto sono i tre punti su cui chiediamo interventi”.

Icotea

 

 

{loadposition eb-pof}

 

 

Il successore di Luigi Angeletti a capo della Uil, ha poi chiesto ai rappresentanti del Governo (il sottosegretario De Vincenzi, i ministri Madia, Boschi, Giannini, Delrio e il segretario generale di Palazzo Chigi Aquilanti): “cosa succede dopo questo incontro? Quando e come ci farete sapere se vi abbiamo convinto con le nostre idee di ‘Buona Scuola’”.

 

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola

 

Il punto di vista del direttore Daniela Girgenti

[iframe width=”560″ height=”315″ src=”https://www.youtube.com/embed/a6BRtEXux48″ frameborder=”0″ allowfullscreen ]