Home Politica scolastica DdL, giovedì 28 maggio in 30 città si torna in piazza per...

DdL, giovedì 28 maggio in 30 città si torna in piazza per dire no

CONDIVIDI

Dal fermento che si riscontra sul web, in particolare su Facebook, non pensiamo di esagerare nel dire che non deluderanno le attese degli organizzatori, i flash mob contro il DdL ‘Buona Scuola’ programmati in molte piazze d’Italia per giovedì 28 maggio, a partire dalle ore 19. Gli appelli dei giorni scorsi, quindi, sembrano aver avuto gli effetti sperati da chi ha programmato questa forma di protesta, alla quale, lo ricordiamo, i partecipanti saranno chiamati a vestirsi di rosso.

Sono diverse le piazze coinvolte in tutto il territorio: a Roma l’appuntamento è a piazza di Spagna, a Milano presso l’Arco della Pace, a Catania tutti in piazza Università, a Torino il ritrovo è nella centrale piazza Castello, a Firenze davanti il Palazzo della Signoria. Ma ci sono anche Cagliari (piazza del Carmine), Napoli (piazza Dante), Verona (piazza Bra), Palermo (piazza Politeama) e tante altre. In tutto si svolgeranno una trentina di flash mob.

Icotea

 

{loadposition eb-dirigente}

 

Assieme a docenti, studenti, famiglie e cittadini – per dire no all’allargamento dei poteri dei presidi, alla chiamata diretta (anche se dal Pd sostengono che la riforma non la porterà), alle assunzioni limitate ad una fetta di precari e a tante altre novità – ci saranno anche alcuni rappresentanti politici. Ovviamente all’opposizione. Ad iniziare dal Movimento 5 Stelle. “Il presidente del Consiglio e il ministro Giannini – ha fatto sapere il M5S – continuano a parlare di ascolto e apertura, ma le modifiche che promettono non cambieranno di una virgola la sostanza di questa riforma. La manifestazione darà voce a coloro che hanno davvero a cuore la scuola pubblica statale ma le cui istanze sono sistematicamente ignorate e umiliate da questo governo”. 

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola