Home Attualità DdL Razzi: “Lezioni di agricoltura nelle scuole”

DdL Razzi: “Lezioni di agricoltura nelle scuole”

CONDIVIDI
  • Credion

Il senatore di Forza Italia, Antonio Razzi, noto per le sue stravaganze linguistiche e per essere passato da “Italia dei Valori”, dove venne eletto nella circoscrizione Estero, al partito di Silvio Berlusconi, ha presentato un disegno di legge, depositato pochi giorni fa a Palazzo Madama. Si tratta di un provvedimento con cui si intende introdurre nelle scuole “di ogni ordine e grado” una nuova materia: «Insegnamento delle tecniche agricole di semina e produzione dei frutti della terra in orto e in campo».

Nel dettaglio propone che a scuola si facciano lezione di semina nell’orto, poi due ore nei campi a raccogliere i pomodori e al fine settimana tutti in gita a vendemmiare.

Icotea

Dai libri al trattore, le conoscenze da acquisire sono tante. Se il disegno di legge sarà approvato i giovani potranno essere interrogati sui periodi di semina, il clima e la stagionalità dei prodotti agricoli

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

«Istruire i giovani di oggi in merito al ciclo della produzione agricola – si legge nella bozza del documento adesso al vaglio degli uffici parlamentari – significa fornire i mezzi necessari ai consumatori di domani dotandoli di conoscenze fondamentali per comprendere la qualità dei prodotti della terra e dell’orto».

Nel progetto, scrivono le agenzie,  si parla di educare alle eccellenze enogastronomiche italiane, ma anche di valorizzare una dieta sana ed equilibrata. «Bisogna cominciare proprio dalla terra – ha spiegato Razzi presentando il ddl pochi giorni fa – per insegnare ai bambini il corretto stile alimentare. I bambini, soprattutto quelli metropolitani, non hanno idea di come crescono i prodotti della terra, dei periodi di semina e di raccolto, dell’uso di pesticidi».

E come è immaginabile , oltre al comico Maurizio Crozza, che lo bersaglia in continuazione, molti twitter sono partiti per prenderlo in giro: “In molti mi hanno preso in giro – racconta Razzi a Palazzo Madama – C’è chi dice che siamo noi politici a dover andare a zappare. Ma con me sbagliano bersaglio, nei campi ci lavoravo già quando avevo otto anni

Dai libri alla zappa, le conoscenze da acquisire sono tante. Se il disegno di legge sarà approvato, i giovani potranno essere interrogati sui periodi di semina, il clima e la stagionalità dei prodotti agricoli. In classe e non solo”. Accanto allo studio teorico, il testo fa esplicito riferimento a esperienze all’aria aperta, attraverso «esempi pratici e tangibili».

Spetta alle direzioni scolastiche regionali individuare tra i docenti “le figure più idonee all’insegnamento.

Una volta selezionati, gli insegnanti saranno inseriti in un apposito albo regionale. Ma siccome nessuno può improvvisarsi “esperto di semina e produzione dei frutti della terra”, il disegno di legge prevede anche la possibilità di realizzare appositi corsi di qualificazione professionale, della durata massima di sei mesi, da svolgere nelle università di Scienze Agrarie.

Il disegno di legge rischia di aprire un dibattito importante, uno di quei soliti dibattiti senza conclusione.