Home Politica scolastica Ddl scuola: docenti valutati da genitori e studenti

Ddl scuola: docenti valutati da genitori e studenti

CONDIVIDI
  • Credion

Nella serata del 9 maggio la Commissione Cultura della Camera ha concluso i propri lavori sul disegno di legge 2994 e adesso la parola passa all’aula che dovrà approvare il provvedimento entro il 19 maggio (a meno di colpi di scena).
Sui punti più delicati e più contestati la Commissione ha approvato alcuni emendamenti considerati importanti dalla maggioranza di Governo ma che non soddisfano per niente le opposizioni, tanto che su FB si parla già del “sabato nero” della scuola italiana.
Fa discutere, per esempio, la nuova disposizione sulla valutazione dei docenti che non sarà più di competenza esclusiva del dirigente scolastico ma sarà affidata ad una commissione di cui faranno parte docenti, genitori e, nella scuola superiore, anche gli studenti.
Il Piano triennale, contenente anche la previsione delle risorse necessarie per realizzarlo, sarà elaborato dal collegio dei docenti, sulla base dei criteri indicati dal dirigente scolastico, ed approvato dal consiglio di istituto.
Per quanto riguarda le assunzioni restano gli albi territoriali che però entreranno pienamente in funzione solo a partire dal settembre 2016. Il 2015/2016 sarà di fatto un anno di “sperimentazione” in attesa che vengano istituite le reti di scuole, secondo criteri e modalità che saranno concordate anche con le regioni.
Valutazione anche per i dirigenti scolastici: per realizzarla saranno assunti nuovi dirigenti tecnici (i cosiddetti ispettori); ma bisogna considerare che la somma messa a disposizione per questa voce consentirà, al massimo, la nomina di 50-60 ispettori, molti dei quali serviranno, di fatto, per sostituire coloro che andranno in pensione (senza considerare che un concorso del genere non dura mai meno di 2-3 anni).