Home Politica scolastica DdL scuola verso l’approvazione, con il voto di Verdini?

DdL scuola verso l’approvazione, con il voto di Verdini?

CONDIVIDI
  • Credion

Per il disegno di legge sulla scuola, la prossima settimana dovrebbe essere quella decisiva, per svariate ragioni.
Intanto perchè la Commissione Cultura inizierà, e forse concluderà, l’esame del provvedimento e di tutti gli emendamenti ammessi. 
Il dibattito si preannuncia acceso dal momento che la stessa minoranza del PD ha più volte chiesto modifiche significative al testo (ma c’è sempre il rischio che all’ultimo momento i più “riottosi”, come per esempio il senatore Corradino Mineo, vengano sosituiti d’autorità dalla segreteria del partito).
Poi c’è lo scoglio della Commissione Bilancio che non è del tutto secondario in quanto i rilievi della Ragioneria Generale dello Stato hanno rappresentato spesso, per provvedimenti analoghi, un ostacolo non facile da superare.
Il parere di molti addetti ai lavori, però, è che – superato l’esame della Commissione Cultura – il DdL dovrebbe avere la strada spianata: proprio per la prossima settimana, infatti, è atteso un importante confronto politico all’interno di Forza Italia che porterà inevitabilmente all’uscita dal partito del gruppo di Denis Verdini (si parla di 13 senatori pronti ad andare in soccorso del Governo, magari in vista di un possibile rimpasto, con tutto quello che ne può derivare).
Insomma è probabile che la prossima settimana, proprio in concomitanza con la conclusione dello sciopero degli scrutini, in Commissione Cultura si voterà il probabile via libera al disegno di legge. 
A partire dal 22 il provvedimento dovrebbe così andare in aula dove, grazie anche al sostegno dei “verdiniani”, potrebbe essere rapidamente approvato (e c’è anche chi incomincia a parlare di un possibile voto di fiducia).
A conti fatti sembra proprio che la strategia di logoramente messa in atto da Matteo Renzi sia servita a raggiungere l’obiettivo.