Home Politica scolastica De Magistris: mentre Renzi distrugge la scuola pubblica, noi a Napoli assumiamo...

De Magistris: mentre Renzi distrugge la scuola pubblica, noi a Napoli assumiamo 370 maestre

CONDIVIDI

Mentre il Governo Renzi distrugge la scuola pubblica col liberismo imperante, noi a Napoli apriamo nuovi nidi, miglioriamo la refezione e assumiamo centinaia di maestre comunali.

A dirlo, il 31 luglio sul suo profilo Facebook, è stato il sindaco di Napoli Luigi De Magistris. “Renzi distrugge la scuola pubblica e taglia ai Comuni per non far funzionare i servizi pubblici locali”, scrive il primo cittadino del capoluogo partenopeo.

Icotea

“A Napoli, in controtendenza al liberismo imperante – prosegue De Magistris – abbiamo aperto asili nido, rafforzato e migliorato la refezione scolastica e a settembre assumeremo, a seguito di concorso, 370 maestre, metà precarie stabilizzate e metà nuove assunte”.

 

{loadposition eb-territorio}

 

Il sindaco aggiunge che la politica del Governo “ci strangola, ma noi non molliamo. La Costituzione è nata dalla Resistenza e si difende con la Resistenza. Vogliono austerità per i poveri, gli ultimi e le persone perbene, vogliono soffocare la nostra libertà e la nostra autonomia, ma noi andiamo avanti convinti che l’austerità deve essere, invece, per le caste e le oligarchie politico-finanziarie”, conclude de Magistris.

Ricordiamo che i tagli ai servizi pubblici locali non sono sempre derivanti da effettive riduzioni di spesa. Ma anche da “buchi” normativi. Come quelli conseguenti, ad esempio, dal venire meno delle Province: ad oggi non esiste una norma che permetta, in particolare, ai tanti assistenti ai disabili (tra cui i ciechi e i sordi), nelle scuole superiori pagati proprio dalle Province, di poter esercitare il loro supporto nelle scuole.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola