Home Sicurezza ed edilizia scolastica Definizione di spazio laboratoriale nella scuola

Definizione di spazio laboratoriale nella scuola

CONDIVIDI
  • Credion

Diamo la definizione di spazio laboratoriale così come è contenuta nelle “ Norme tecniche-quadro contenenti gli indici minimi e massimi di funzionalità urbanistica “ .

Il laboratorio si configura come lo “spazio del fare” e di qui l’uso del termine “atelier”, e richiede un ambiente nel quale lo studente possa muoversi in autonomia attivando processi di osservazione, esplorazione e produzione di artefatti.
Poiché i compiti di realtà, come i prodotti e le modalità organizzative, possono variare significativamente in funzione delle discipline e degli obiettivi curricolari, con essi variano anche le risorse necessarie ad operare nei contesti laboratoriali.

Icotea

In quest’ottica, lo spazio fisico diviene uno “spazio attrezzabile” che accoglie strumenti e risorse per la creazione di contesti di esperienza.

Ne sono esempio i contesti immersivi e le simulazioni ad alta fedeltà di situazioni concrete, anche attraverso le tecnologie digitali.
Tra le altre cose, questo “spazio del fare” deve poter accogliere attività “ hands-on ” che spaziano da un lavoro di investigazione a raccolte di dati/informazioni e analisi attraverso attrezzature tecnologiche specifiche fino all’esplorazione/manipolazione in ambienti immersivi di contesti e variabili legate a fenomeni reali.