Home Politica scolastica Detrazioni per le scuole paritarie? No, grazie!

Detrazioni per le scuole paritarie? No, grazie!

CONDIVIDI

“Non bastavano le già cospicue risorse che ogni anno escono dalla casse dello Stato per il finanziamento delle scuole paritarie – per l’anno in corso il Governo ha previsto finanziamenti per 472 milioni di euro -, non bastavano i quasi 700 milioni di euro erogati dalle amministrazioni locali e di cui nessuno parla, non bastava l’esenzione Imu-Tasi! Ora ci toccherà aggiungervi anche il costo delle detrazioni per le famiglie che decidono di mandare i propri figli alle private”.

Ha commentato così Raffaele Carcano, segretario dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar), le novità relative alle scuole paritarie contenute nel ddl di riforma del sistema scolastico approvato dal Consiglio dei ministri il 12 marzo.

Icotea

“D’altronde – ha proseguito – non dovremmo sorprenderci: ben 44 parlamentari della maggioranza che sostiene il governo hanno scritto al premier Renzi nei giorni scorsi per chiedergli un intervento in questo senso. Ed è ben nota la simpatia della ministra dell’Istruzione, Stefania Giannini, per la “causa” delle scuole paritarie. Fresca fresca di nomina la ministra pensò bene di mettere i puntini sulle i dichiarando che “la libertà di scelta educativa è un principio europeo” di “grande civiltà” e che dunque paritarie e statali devono avere “uguali diritti”. Posizioni che ha ribadito a più riprese lungo l’arco di quest’anno che l’ha vista alla guida del Miur”.

“Si sostiene che le scuole paritarie costituiscono un evidente risparmio per la finanza pubblica – prosegue il segretario dell’Uaar – ma questo è falso. Ammesso e non concesso che gli studenti delle paritarie, qualora le amministrazioni pubbliche cessassero i loro munifici versamenti, tornino in massa alle vere scuole pubbliche, l’impatto sarebbe minimo. Perché gran parte dei costi pubblici sono fissi (stipendi degli insegnanti e mantenimento degli edifici) e non variabili. Di questo passo tra non molto si proporrà di abolire anche il trasporto pubblico: così il risparmio per lo Stato sarebbe eccezionale!”.

“Per altro – sottolinea ancora Carcano -, come ha notato anche l’ex ministro Luigi Berlinguer, ideatore della legge sulla parità scolastica, non si è ancora effettuato alcun controllo sulle scuole paritarie. E allora che senso ha finanziare scuole che, come abbiamo denunciato alla Commissione europea, discriminano studenti e disabili, sottopagano insegnanti, hanno una qualità di insegnamento più bassa di quelle pubbliche?”.

Insomma, l’Uaar torna a ribadire quel che ha sempre detto: le scuole private non potranno mai, per definizione, essere la scuola di tutti. Rappresenteranno invece sempre progetti educativi di parte: la cui esistenza è garantita dalla Costituzione, purché «senza oneri per lo Stato”. I cittadini che lo vogliono sono liberi di destinare soldi a istituti meno competitivi di quelli statali. Ma non chiedano soldi alle tasche, sempre più vuote, di tutti gli altri.