Home Attualità Didattica a distanza, la valutazione finale degli elaborati degli alunni? Meglio farla...

Didattica a distanza, la valutazione finale degli elaborati degli alunni? Meglio farla al ritorno a scuola

CONDIVIDI
webaccademia 2020

In questi giorni di didattica sospesa – ne avremo almeno per altre tre settimane – si arricchiscono le esperienze di didattica a distanza: La Tecnica della Scuola ha deciso di supportare i docenti avviando una rubrica tematica, attraverso la quale proporre suggerimenti, risorse ed esperienze da condividere. Dopo la prima fase su “come” realizzare la didattica on line, che non si può limitare alla mera proposizione di contenuti e dispense, l’attenzione si sta concentrando su un quesito che avevamo posto già nei giorni scorsi: la valutazione degli alunni.

DPCM dell’11 marzo 2020

Le domande della Tecnica della Scuola

Cosa accadrà, al ritorno in classe, agli alunni che non hanno risposto alle indicazioni dei loro docenti, che non si sono presentati alle lezioni interattive, che non hanno prodotto le ricerche e svolto le verifiche richieste? E chi lo avrà fatto in modo insufficiente potrà vedersi assegnato un voto negativo, magari dopo non avere appreso la spiegazione perché in quel momento c’è stato un black out alla connessione internet? Sono le domande che avevamo realizzato.

ICOTEA_19_dentro articolo

Cosa dice il ministero

Il problema è che non esiste una risposta univoca. Con la stessa nota 279 dell’8 marzo, nella parte intitolata proprio “Attività didattica a distanza”, il ministero dell’Istruzione ha confermato che la valutazione rimane una prerogativa del docente, senza vincoli superiori.

La normativa vigente (Dpr 122/2009, D.lgs 62/2017), al di là dei momenti formalizzati relativi agli scrutini e agli esami di Stato, lascia la dimensione docimologica ai docenti, senza istruire particolari protocolli che sono più fonte di tradizione che normativa”, hanno confermato i capi dipartimento Marco Bruschi e Giovanna Boda.

La valutazione non può essere dettata dall’alto

Di fatto, la valutazione rimane una componente insita nella funzione docente: rientra, quindi, nelle prerogative insite alla libertà d’insegnamento garantita costituzionalmente.

Detto ciò, ogni insegnante provvederà certamente ad comunicare agli alunni (e alle famiglie), durante l’attività a distanza, gli esiti della valutazione degli elaborati, dei compiti e delle ricerche prodotti dagli allievi. Ma quella prodotta “da casa” è una valutazione indicativa, non certo definitiva.

E’ meglio attendere

Per dare una valenza ufficiale agli stessi documenti realizzati dagli alunni, quella che, per intenderci, viene inserita nel registro elettronico e che farà media per la realizzazione del voto finale della disciplina, sarebbe meglio attendere il ritorno a scuola: è in classe, infatti, che il docente provvederà a verificare l’autenticità degli elaborati.

È in quella sede, a scuola, che l’insegnante provvederà a verificare (face to face), l’effettiva partecipazione alle attività di formazione a distanza prodotte durante la sospensione delle attività didattiche.

Escludendo, in pratica, che si tratti di documenti copiati, prodotti da altri, magari realizzati attraverso un’eccessiva intromissione dei genitori o di altre figure adulte.

Le possibili contestazioni legali

La verifica finale in classe servirà, infine, a scongiurare i dubbi di decifrazione corretta del lavoro profuso, da parte degli stessi alunni.

Servirà a prevenire, dunque, quelle contestazioni, supportate spesso dalle famiglie, che sempre più frequentemente hanno fastidiosissime “code” di tipo legale, con tanto di intervento del giudice.

CORONAVIRUS – TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

IL MODULO DI AUTOCERTIFICAZIONE

IL DPCM DEL 9 MARZO (N.B. Le disposizioni sono in vigore dal 10 marzo al 3 aprile)

LE FAQ UFFICIALI

LA MAPPA DELLA SITUAZIONE IN ITALIA

Cosa significa pandemia? Indica la diffusione in tutto il mondo di una nuova malattia e generalmente indica il coinvolgimento di almeno due continenti, con una sostenuta trasmissione da uomo a uomo.

Provvedimenti del Consiglio dei Ministri

FAQ, domande e risposte.

Delibera del Consiglio dei Ministri del 5 marzo 2020 Ulteriore stanziamento per la realizzazione degli interventi in conseguenza del rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

Delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio 2020 Dichiarazione dello stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

Provvedimenti legislativi

Decreto-legge 14 del 9 marzo 2020 Disposizioni urgenti per il potenziamento del Servizio sanitario nazionale in relazione all’emergenza COVID-19.

Testo del Decreto-legge 6 del 23 febbraio 2020, coordinato con la Legge di conversione 13 del 5 marzo 2020, recante: «Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19».

Decreto legge 9 del 2 marzo 2020 Misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Decreto legge 6 del 23 febbraio 2020 Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”.

Provvedimenti del Presidente del Consiglio dei Ministri

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 marzo 2020 Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale [In vigore dal 10 marzo 2020].

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 marzo 2020 Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale [Art. 1, 4, 5 e Allegato 1, in vigore dall’8 marzo 2020; art. 2 e 3 in vigore dall’8 al 9 marzo 2020 ove incompatibili con quanto previsto dal DPCM 9 marzo 2020].

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 marzo 2020 Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale [In vigore dal 4 marzo all’8 marzo 2020].

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 1 marzo 2020 Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. [Art. 1, 2, 5, 6, allegati 1, 2, 3 in vigore dal 2 marzo all’8 marzo 2020; art. 3 e 4 in vigore dal 2 al 4 marzo].

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 25 febbraio 2020 Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. [In vigore fino al 1 marzo 2020].

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 febbraio 2020 Disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. [In vigore fino al 1 marzo 2020].

Ministero dell’Istruzione

Coronavirus, online pagina dedicata

FAQ, domande e risposte

Nota 323 del 10 marzo 2020 Personale ATA, istruzioni operative.
Commento

Nota 279 del 8 marzo 2020 Istruzioni operative su Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 marzo 2020.

Comunicazione del 6 marzo 2020. Sospensione Prove Invalsi 2020 per l’ultimo anno delle scuole secondarie di secondo grado dal 5 al 15 marzo 2020.

Nota 278 del 6 marzo 2020 Particolari disposizioni applicative della direttiva del Ministro per la Pubblica Amministrazione del 25 febbraio 2020, n. 1 (Direttiva 1/2020), “Prime indicazioni in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019 nelle pubbliche amministrazioni al di fuori delle aree di cui all’articolo 1 del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6”.

Nota 170 del 28 febbraio 2020 Emergenza epidemiologica da COVID-19. Manifestazione di disponibilità a sostenere le iniziative di didattica a distanza.

Nota 169 del 28 febbraio 2020 Emergenza epidemiologica da COVID-19. Manifestazione di disponibilità a sostenere le iniziative di didattica a distanza, tramite fornitura hardware.

Ministero dell’Università e della Ricerca

Comunicazione del 23 febbraio 2020 agli Atenei e alle Istituzioni AFAM di Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto.

Provvedimenti del Ministro per la pubblica amministrazione

Circolare 1 del 4 marzo 2020 Misure incentivanti per il ricorso a modalità flessibili di svolgimento della prestazione lavorativa.

Direttiva 1 del 25 febbraio 2020 Emergenza epidemiologica COVID-2019.
Commento.

Provvedimenti del Ministero della Salute

Speciale salute e FAQ

Circolare 4001 del 8 febbraio 2020 Aggiornamenti alla circolare ministeriale prot. del 1.2.2020 con riferimento alle indicazioni per la gestione nel settore scolastico degli studenti di ritorno dalle città a rischio della Cina.

Circolare 3187 del 1 febbraio 2020 Indicazioni per la gestione degli studenti e dei docenti di ritorno o in partenza verso aree affette della Cina.

Ordinanza 30 gennaio 2020 Misure profilattiche contro il nuovo Coronavirus (2019 – nCoV).

Ordinanza 25 gennaio 2020 Misure profilattiche contro il nuovo Coronavirus (2019 – nCoV).

Ordinanza 21 febbraio 2020 Ulteriori misure profilattiche contro la diffusione della malattia infettiva COVID-19. Regione Lombardia [In vigore fino al 1 marzo 2020].

Provvedimenti del Ministro della Salute di concerto con le Regioni interessate

Ordinanza 24 febbraio 2020 Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Regione Liguria [In vigore fino al 1 marzo 2020].

Ordinanza 23 febbraio 2020 Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Regione Lombardia [In vigore fino al 1 marzo 2020].

Ordinanza 23 febbraio 2020 Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Regione Veneto [In vigore fino al 1 marzo 2020].

Ordinanza 23 febbraio 2020 Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Regione Emilia-Romagna [In vigore fino al 1 marzo 2020].

Ordinanza 23 febbraio 2020 Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia [In vigore fino al 1 marzo 2020].

Ordinanza 23 febbraio 2020 Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Regione Piemonte [In vigore fino al 1 marzo 2020].

Provvedimenti del Ministero dell’Economia e Finanza

Decreto 24 febbraio 2020 Sospensione dei termini per l’adempimento degli obblighi tributari a favore dei contribuenti interessati dall’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Provvedimenti dell’Agenzia delle entrate

Comunicato del 3 marzo 2020 Proroga di alcune scadenze fiscali.

Provvedimenti del Dipartimento della protezione civile

Ordinanza 645 dell’8 marzo 2020 Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

Ordinanza 646 dell’8 marzo 2020 Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

Ordinanza 644 del 4 marzo 2020 Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

Ordinanza 643 del 1 marzo 2020 Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

Ordinanza 642 del 29 febbraio 2020 Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

Ordinanza 641 del 28 febbraio 2020 Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

Ordinanza 640 del 27 febbraio 2020 Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

Ordinanza 639 del 25 febbraio 2020 Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

Ordinanza 638 del 22 febbraio 2020 Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

Ordinanza 637 del 21 febbraio 2020 Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

INPS

Comunicazione del 9 marzo 2020 Coronavirus: le misure dell’INPS.

Comunicazione del 6 marzo 2020 Prime misure per arginare il rischio epidemiologico da COVID-19 [Aggiornamento]

Comunicazione del 25 febbraio 2020 Prime misure per arginare il rischio epidemiologico da COVID-19.

Comunicazione del 25 febbraio 2020 Coronavirus: numeri uffici Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Veneto.

INAIL

Informativa sulla salute e sicurezza nel lavoro agile

Preparazione concorso ordinario inglese