Home Attualità Didattica a distanza? Ok degli studenti della Statale di Milano

Didattica a distanza? Ok degli studenti della Statale di Milano

CONDIVIDI

L’Università Statale di Milano ha raccolto le opinioni degli studenti per un bilancio sulla “rivoluzione digitale” che ha improvvisamente investito la didattica nell’emergenza coronavirus e i risultati, anche in termini di partecipazione, sono più che incoraggianti.

Ok alla dad

E infatti la didattica online ha funzionato bene, considerato che oltre l’85% degli studenti che ha partecipato all’indagine promossa dall’Ateneo esprime una valutazione positiva o decisamente positiva della didattica telematica sperimentata in questi mesi.
Al questionario hanno risposto 17.387 studenti, un campione significativo, circa il 70% di coloro che frequentano abitualmente le lezioni del secondo semestre, quantificabili in circa 25.000.

Le modalità di connessione

Gli studenti hanno frequentato, solo nell’ultimo mese, 66.846 insegnamenti, una media di quasi 4 insegnamenti ognuno; hanno sperimentato modalità diverse di fruizione, preferendo anche se di poco la modalità in asincrono (49%) rispetto a quella in sincrono (45%) poiché è ritenuta maggiormente compatibile con gli impegni personali, perché minimizza problematiche di connessione e perché rende possibile riascoltare le lezioni.

ICOTEA_19_dentro articolo

Gli strumenti utilizzati

Quanto agli strumenti utilizzati, tra quelli messi a disposizione dall’Ateneo, Microsoft Teams, Piattaforma Ariel (già in uso) Zoom, Moodle, Skype, gli studenti ritengono più funzionale Teams nel 48% dei casi, seguito a ruota da Ariel (32% delle preferenze) e da Zoom (14% circa).

Molteplici, nella parte dedicata agli aspetti di cui si sente più la mancanza, il richiamo al contatto diretto con i compagni e con i professori, ma anche alle uscite didattiche e naturalmente alle attività di laboratorio.