Home Attualità Didattica a distanza: piattaforma unica, sì ma non basta

Didattica a distanza: piattaforma unica, sì ma non basta [VIDEO-INTERVISTA]

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Con Stefano Penge, esperto di “didattica multimediale” (e non solo) parliamo di un tema che è alla ribalta da quando le scuole hanno incominciato ad usare in modo massiccio gli strumenti della cosiddetta “didattica a distanza”: anzichè lasciare alle scuole la decisione sulla piattaforma da utilizzare non sarebbe meglio mettere a disposizione di tutti un unico strumento, validato e certificato?
In tal caso quali caratteristiche dovrebbe avere questo strumento?
La didattica a distanza diventerà una modalità “normale” nel “fare scuola” anche in futuro, finita la fase di emergenza?
A queste domande risponde Stefano Penge, che da almeno 25 anni si occupa di formazione a distanza e di didattica della multimedialità.

Preparazione concorso ordinario inglese