Home Attualità Didattica online, il decreto è marcia indietro: rischiamo di rendere i ragazzi...

Didattica online, il decreto è marcia indietro: rischiamo di rendere i ragazzi meno motivati

CONDIVIDI
  • Credion

Il decreto scuola, dopo una lunga gestazione, ha visto la luce lunedì sera (clicca qui per i dettagli). Tanti sono i commenti al provvedimento varato dal governo.

C’è da segnalare anche l’intervento di Andrea Gavosto, direttore della Fondazione Agnelli sul Sole 24 Ore: “Se non si tornerà a scuola prima di settembre, nessuna bocciatura (o quasi) e un’ammissione generalizzata all’anno successivo, quando saranno colmati eventuali debiti. Così molti allievi perderanno la motivazione a affrontare seriamente gli ultimi mesi. Una scelta poco comprensibile, specie per le secondarie”, afferma Gavosto che poi sottolinea: “Sappiamo che oggi l’esame è poco più di una formalità, con il 99% di promossi, giudizi disomogenei fra le commissioni, nessun valore per le università e i datori di lavoro. In altri paesi si è preferito abolire gli esami, rimpiazzandoli con i normali scrutini dei propri insegnanti”.

Icotea

Poi la chiosa finale: “Solo da noi si continua a dare più peso al pezzo di carta che ai reali apprendimenti, rischiando di complicare il già arduo cammino della didattica a distanza”.

Leggi anche

Didattica a distanza obbligatoria, ma tocca precisare meglio: quando entrerà a regime?

Decreto scuola, via libera all’assunzione di più 4mila docenti: sono i posti di quota 100

Decreto scuola, esami terza media: se non si torna entro il 18 maggio ci sarà solo una tesina

Decreto scuola, via libera del governo: confermati due scenari per la maturità

Didattica a distanza, sarà obbligatoria e non più consigliata

Come fare didattica a distanza: consigli e soluzioni

CORONAVIRUS – TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Nuovo Modello Autodichiarazione 26.03.2020 Editabile

LE FAQ UFFICIALI

Coronavirus e scuole chiuse, tutto quello che c’è da sapere: norme