Home Concorsi Dirigenti scolastici, dopo il concorso arrivano altri provvedimenti? (VIDEO)

Dirigenti scolastici, dopo il concorso arrivano altri provvedimenti? (VIDEO)

CONDIVIDI

“Dobbiamo ringraziare i nostri dirigenti scolastici: non solo con un nuovo concorso, ma anche come Governo con un’attenzione in più”.

L’impegno è stato preso da Gabriele Toccafondi, intervistato dalla Tecnica della scuola, il 21 settembre a margine della presentazione al Miur dell’apprendistato scolastico al fine dell’ottenimento del diploma di istruzione.

Icotea

 

 

Dopo aver commentato con soddisfazione l’arrivo in Gazzetta Ufficiale del Regolamento del prossimo concorso a preside, Toccafondi ha tenuto a “ringraziare i nostri dirigenti scolastici: troppo spesso in questo paese, sono definiti in qualche modo: un giorno sono manager, un altro sceriffi. Fa notizia se c’è un regolamento su come si va vestiti a scuola, ma non se i nostri presidi fanno partire l’apprendistato”.

Non si parla di loro, “nemmeno se aiutano i nostri ragazzi o se fanno entrare nelle scuole le associazioni e le comunità di recupero perché ci sono problemi di droga tra i giovani: invece dobbiamo ringraziarli”, ha concluso il sottosegretario.

 

{loadposition carta-docente}

 

Insomma, le intenzioni delle istituzioni nei confronti dei presidi si dimostrano alte.

Ancora una volta, però, per non si va oltre i buoni auspici: gli stipendi, ad esempio, continuano ad essere molto più bassi degli altri dirigenti, sia pubblici che privati; anche le nuove responsabilità acquisite con la Buona Scuola, ad iniziare dalla chiamata diretta dei docenti finiti negli ambiti territoriali, e gli accadimenti di questa estate, con le scuole “caricate” del controllo delle vaccinazioni degli alunni, non sembrano andare verso una conferma delle attenzioni di cui si continua a parlare in seno al Governo.

{loadposition facebook}