Home Archivio storico 1998-2013 Nostre inchieste Discordanze tra Miur e Cittadinanzattiva sullo stato strutturale degli edifici scolastici

Discordanze tra Miur e Cittadinanzattiva sullo stato strutturale degli edifici scolastici

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il Rapporto nazionale su sicurezza, qualità e comfort degli edifici scolastici" nell’ambito della campagna Impararesicuri è giunto alla decima annualità. I dati sono riferiti alla presenza o meno delle certificazioni di agibilità statica, igienico-sanitaria e di prevenzione incendi previste dal decreto n. 81/2008. Questi risultano al di sotto della media nazionale fornita dal Ministero dell’Istruzione che parla di una scuola su tre priva delle certificazioni di sicurezza. 
Considerando che i plessi scolastici su tutto il territorio nazionale sono circa 42.000, la differenza tra "uno su quattro" e "uno su tre “, corrisponde a 1.500 edifici. Quindi dalle discordanze dei dati sulle strutture edilizie delle scuole tra Miur e Cittadinanzattiva, ipotizzando che entrambe abbiano dati attendibili, esistono 1.500 istituti scolastici con una documentazione sulla sicurezza da ritenersi fantasma. 
Per questo motivo è senza dubbio condivisibile la richiesta di inserire i dati dell’anagrafe relativa all’edilizia scolastica nella sezione del sito del 
Miur "Scuola in chiaro", dove già compaiono, consultabili da tutti, i dati sull’organizzazione e sul personale di migliaia di scuole italiane. Riflessioni anche sulla previsione di nuovi fondi per l’edilizia scolastica ipotizzati dal Miur, in quanto si suggerisce di provvedere prima agli interventi necessari e urgenti per la sicurezza delle nostre scuole, perché tali manutenzioni straordinarie aumenteranno sicuramente il valore degli immobili, con conseguenti benefici nel caso della costituzione di questi eventuali fondi.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese