Home Politica scolastica Docenti di motoria alla primaria, il M5S presenta il progetto alla Camera:...

Docenti di motoria alla primaria, il M5S presenta il progetto alla Camera: l’attività fisica migliora l’apprendimento

CONDIVIDI

Introdurre l’attività motoria anche nella scuola primaria: dopo il Partito Democratico, ora ci prova il Movimento 5 Stelle, che avalla un testo di Forza Italia. Il 26 settembre è giunta in Commissione Cultura della Camera la discussione sulla proposta di legge dell’on. Marco Marin (del Popolo della Libertà), dal titolo “Disposizioni per la promozione dell’attività fisica e dell’educazione motoria nella scuola primaria”, e che ha come relatore il campione olimpionico di Judo Felice Mariani deputato del M5S in Commissione Cultura.

L’annuncio è arrivato, tramite Facebook, dall’on. Luigi Gallo (M5S), presidente della commissione Cultura alla Camera.

“Lo dice pure la scienza”

Rivalutare il ruolo di questo insegnamento serve anche a contrastare obesità e sedentarietà ed è una ricetta anche contro l’eccessiva esposizione ai media digitale. Facciamo tornare i nostri bambini in movimento anche nei cortili delle scuole e investendo in palestre scolastiche.

ICOTEA_19_dentro articolo

“Le scuole primarie – scrive Gallo – devono essere luoghi di movimento per i bambini e troppo spesso invece i nostri fanciulli sono bloccati ai loro banchetti e seduti per ore mortificando crescita, cura, benessere sia psichico che fisico, e soprattutto apprendimento”.

Eppure, continua il deputato, “ormai tutte le ricerche scientifiche dimostrano come l’attività motoria, esperienziale, tattile, di immersione nella realtà potenzia a dismisura l’apprendimento e il nostro cervello con stimoli coinvolgenti, riempiendo di conoscenze e saperi il nostro cuore come la nostra mente”.

Un punto del contratto di governo

Gallo – che si dice “felice per questo cambiamento” – ricorda che il M5S ha sempre creduto in questo progetto: in cinque “anni di opposizione abbiamo fatto di tutto per convincere il PD a garantire che l’insegnante di Scienze Motorie fosse titolare di educazione motoria nelle scuole primarie con le proposte di Simone Valente, ora sottosegretario, poi è diventato un punto importantissimo del Programma del M5S e infine è stato scritto nel contratto di governo”.

L’impegno del Pd

Ricordiamo che già il PD si era impegnato nella possibilità di impiegare un alto numero di insegnanti di scienze motorie nella scuola primaria: il comma 20 dell’articolo 1 della Buona Scuola, avevamo scritto, contempla infatti già questa possibilità in quanto prevede che  per  l’insegnamento  della  lingua  inglese,  della  musica  e dell’educazione  motoria  nella  scuola  primaria  si possono utilizzare, nell’ambito delle risorse di organico disponibili, docenti  abilitati all’insegnamento per la scuola primaria  in  possesso  di  competenze certificate ma anche docenti  abilitati  all’insegnamento  per  altri gradi di istruzione in qualità di  specialisti; in questo secondo caso, però, ai docenti deve essere assicurata una specifica formazione nell’ambito del  Piano  nazionale di formazione previsto dal comma 124 della legge stessa.

I costi

Sui costi dell’operazione, ci eravamo espressi in più occasioni: considerando quasi 130 mila classi di primaria in tutta Italia e che la disciplina necessita due ore a settimana d’insegnamento, significa che servirebbero circa 11mila insegnanti specializzati.

Calcolando che lo stipendio annuale iniziale, comprensivo di oneri fiscali e previdenziali, si aggira sui 23mila euro annui, l’impegno economico per lo Stato sarebbe di almeno 250 milioni di euro. Una cifra non proprio irrisoria. A meno che i nuovi docenti specializzati non vadano a scalzare gli attuali maestri che si occupano dell’attività motoria pur non avendo competenze specifiche.