Home Generale Droga a 10 euro venduta fuori dalla scuola

Droga a 10 euro venduta fuori dalla scuola

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Alcuni giovani devono rispondere davanti ai giudici sui tentativi di  dei corrompere diversi ragazzini, tra i quattordici, quindici e i sedici anni, che venivano avvicinati all’entrata e all’uscita dalla scuola, per «iniziarli» all’uso delle sostanze stupefacenti partendo da quelle cosiddette leggere, marijuana e hashish, per farli abboccare, a poco a poco, a quelle più pesanti.

Servizio di osservazione da parte dei carabinieri

I carabinieri avevano predisposto un servizio di osservazione discreta quanto assidua, in modo da monitorare quanto qualcuno aveva percepito e prudentemente segnalato. L’andirivieni sospetto era stato scrupolosamente registrato e, al momento opportuno, gli investigatori erano intervenuti a gamba tesa stroncando il business.

Non mancano le conferme di quanto avevano notato i carabinieri. Gli studenti individuavano i fornitori attraverso il passaparola. Sapevano come fare a procurarsi la dose con dieci euro direttamente sul posto, anche se qualcuno aveva pure i recapiti telefonici dei fornitori.

ICOTEA_19_dentro articolo

I soldi per la droga

I soldi che le famiglie davano per il panino o la colazione al bar, o quelli della paghetta risparmiata, servivano a pagare la «canna». Le voci hanno cominciato a circolare e sono arrivate alle orecchie degli adulti che si sono mobilitati per mettere fine all’illecita attività. Nel capo di imputazione, viene citata circa una decina di giovani clienti degli spacciatori.

Preparazione concorso ordinario inglese