Home I lettori ci scrivono Educare non è facile, ma fa felici. Riflessioni sulla vita del docente

Educare non è facile, ma fa felici. Riflessioni sulla vita del docente

CONDIVIDI

La vita del docente è come una grande e avventurosa marcia verso  mete misteriose e non si arresta mai. Nel suo cuore c’è l’amore, l’entusiasmo, la preoccupazione, la delusione, lo sconforto,  la felicità. Ogni sua azione appartiene al tempo e alla storia,  che sola può far emergere i sublimi ideali, l’immenso valore della grande missione educativa.

Gli eroismi quotidiani non si contano  e il volto disegna espressioni di meraviglia, di sbigottimento e poi di gioia nuova, di slanci impensati, di altezze  eccelse, di profondità sublimi.

Icotea

In mezzo alle giornate dinamiche, viene il momento nel quale si avverte un’insopprimibile, strana necessità di sostare e rivedere il fulgore di molti sorrisi,  l’ombra di qualche rimpianto, le innumerevoli sfumature di ampiezze dilatate, di cuori in volo.

Chi potrà non entusiasmarsi della sua missione?

Il futuro della società poggia  sul fervore dei suoi insegnamenti, sull’ardore del suo cuore, sullo slancio della sua volontà, sulla generosità della sua dedizione.

Conoscenza e stima delle grandezze e responsabilità della missione educativa sono un prezioso aiuto, per sentire il fascino delle vette che bisogna scalare.

Le  aule vuote e tristi della fine dell’anno scolastico  rifrangono l’armonia di colori giovani e le più dolci, affascinanti, misteriose e, a volte,  monotone melodie raggiungono il cuore, quasi a commento di un singolare saluto.

La pausa estiva suscita  un senso nuovo di vigili preparazioni, di  attese, di risorte speranze, di gioie rimaste nascoste. Nella raccolta operosità quotidiana i voli più inebrianti,  l’incanto di un sogno, di tanti sogni.

Occhi e volti  raccolti in un sorriso fremono di riflessi, corrono in veloci visioni,  manifestano il motivo di una vocazione senza limiti,  che non si crea in modo magico, ma giorno dopo giorno, in un clima di delicate intese, cresce in generosità e si  arricchisce di nuove  sensibilità.

In  una società divenuta liquida, perennemente segnata dal rischio, dilatata nel globale, la scuola,

oggi,  purtroppo, da molti  irrisa come  noioso passatismo, non viene adeguatamente difesa.

È nei tempi difficili che si avverte il bisogno ineliminabile dell’educazione.  Un’ educazione radicata nella vita, nel  tempo,  nella  storia,  un’educazione che è un principio nominato in molte costituzioni, che  è invocata come regola fondamentale nei rapporti sociali, ma  non sempre  è intesa come uguaglianza dei diritti che accompagnano in ogni momento  la persona ovunque sia.

Purtroppo, i tragitti dell’educazione non sono mai lineari, non ti lasciano tranquillo, conoscono fortune e rifiuti, momenti di difficoltà e di benefica  tensione; in educazione, tra i tanti viottoli di rovi, c’è sempre una misteriosa strada di rose illuminata dai colori di una luce ringiovanita, preludio di una missione nuova.

Con quanta virtù, con quanta generosità, con quanti palpiti di sincerità  i docenti  si adoperano per la realizzazione di una comunità  in cui nessuna persona sia un mezzo per l’altra. L’educazione, nel confuso orizzonte del tramonto, è un raggio di  verità,  è la più alta  immagine che l’uomo possa darsi di sé e del senso della propria vita.

Senza retorica, ogni docente, con il cuore agli avamposti, mai alla retroguardia,  è una invincibile speranza che nel solco della vita, nel mare delle tempestose prove,  è manifestazione vivente di una vigile dedizione e di un generoso impegno che donano pace e sicurezza.

La  scuola, affettuoso focolare del futuro, e i docenti, dolci e care guide, nei tempi difficili e in ogni tempo, siano sempre tenacemente difesi,  siano sempre esempio di  virtù, autorevolezza culturale e morale, siano esempio di una vita spesa nella testimonianza, una vita che diventa pensiero e  un pensiero  che si innesta  nelle innumerevoli vicende umane.

In una traccia inconfondibile si dispiega quel raro e composito itinerario, in cui  il docente interpreta un  allargamento di orizzonti, dove  la parola educazione  riassume la vicinanza e  l’attenzione per la condizione umana.

La vera educazione rimane invisibile dentro il valore universale dell’uomo,  ed è questa azione silenziosa  che costituisce la dignità inviolabile della funzione docente, la sua nobile, grande e fulgida missione.

Prima  della pausa estiva, dall’ inizio  alla fine della carriera, è bello continuare a soffermarsi su una presenza  discreta (quella del docente) che unisce ed esalta, che albeggia in ogni tempo e in ogni luogo, che va oltre le rilevate tracce del nostro andare.  

Educare non è facile, ma fa felici.

Fernando Mazzeo