Home Politica scolastica Erasmus pure per gli insegnanti, anche se guadagnano poco

Erasmus pure per gli insegnanti, anche se guadagnano poco

CONDIVIDI

“Occorre lavorare per realizzare un programma Erasmus degli insegnanti”: serve “una Schengen dei docenti per mettere a confronto le esperienze nei diversi paesi”.

A dirlo è stato il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, incontrando al Miur il suo omologo giapponese, Hiroshi Hase, in vista del G7 che si terrà in Giappone a maggio 2016.

Icotea

Secondo Giannini, sono maturi i tempi per creare un’area di libero scambio per chi insegna in vista di “una vera collaborazione internazionale”.

A proposito dei docenti italiani, Giannini ha sottolineato che “si sta a cuore lo status dell’insegnante: la riforma della scuola ha tolto i docenti dall’instabilità. Resta però il nodo dello stipendio che è ancora basso, come noi non vorremmo che fosse. Questo è un tema che ci sta a cuore”.

 

{loadposition bonus_1}

 

Durante l’incontro, sono stati tre i temi proposti dalla nazione ospitante per il vertice dedicato all’educazione: competenze, innovazione della didattica e mobilità internazionale.

Il ministro Hase ha ricordato che, in vista dell’abbassamento dell’età per il diritto al voto da 20 a 18 anni, in Giappone diventerà fondamentale promuovere l’insegnamento dell’educazione civica nella scuola superiore.

“Particolarmente importante per quanto ci riguarda – ha osservato Giannini – è la cooperazione internazionale: un punto strategico, soprattutto nell’area del Mediterraneo.

E’ una soluzione reale alle difficoltà che viviamo in questo momento”, soprattutto dopo i fatti di Parigi. “Occorre creare una forte collaborazione”. Giannini ha ricordato che dopo il Giappone toccherà all’Italia organizzare l’incontro. “Occorrerà sviluppare una riflessione sulla collaborazione internazionale e mettere al centro delle nostre agende politiche l’educazione: è una risposta forte alle questioni di politica internazionale”. 

 

{loadposition facebook}