Home Attualità Esami di Stato, nel 2017 il 99,5% dei maturandi ha preso il...

Esami di Stato, nel 2017 il 99,5% dei maturandi ha preso il diploma. In aumento i 100 e 100 e lode

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Nella giornata in cui sono state ufficialmente pubblicate le commissioni degli Esami di Stato 2018, il Miur pubblica un focus molto dettagliato sugli esami dell’anno scolastico 2016/2017, con approfondimenti specifici per indirizzo di studio, genere e anche sul peso che le singole prove hanno avuto nella votazione finale.
Tale focus contiene delle informazioni importanti e che bisogna analizzare attentamente in chiave futura.

Il focus Miur

In particolare, l’anno scorso il 96,1% degli scrutinati è stato ammesso all’esame., mentre il 99,5% degli esaminati ha conseguito il diploma, confermando la consuetudine degli ultimi tempi, che una volta ammessi è davvero raro incappare nella bocciatura.
Inoltre nel 2017, l’1,2% dei candidati ha preso la lode, in aumento rispetto al 2016 in cui erano l’1,1%. Il 5,3% ha preso 100, il 28,6% una fascia di voto compresa fra 71 e 80.
Nelle Marche, ad esempio, è particolarmente evidente questa radicalizzazione: i diplomati con il minimo sono aumentati dello 0,9% e i più bravi dell’1,3%. Tale fenomeno risulta evidente in tutti i percorsi di studio.

I 100 e 100 e lode

Nel complesso, nel 2017, i diplomati con 100 e 100 e lode sono aumentati dello 0,3%. Contestualmente è aumentata (+0,5%) anche la quota dei diplomati con il minimo (60/100).

ICOTEA_19_dentro articolo

All’interno degli indirizzi liceali, scrive il Miur, si osserva un aumento dei “bravi” soprattutto tra i maturandi dei Licei classici, dove sale di più di due punti percentuali la quota di diplomati con 100 o 100 e lode. Tra gli indirizzi Tecnici si distingue, in particolare, l’indirizzo Chimica, materiale e biotecnologie, con un incremento dell’1,2% di studenti che ottengono il massimo dei voti.
Nessuna novità per indirizzi professionali, la qui quota di diplomati con i voti maggiori resta stabile.

Studentesse più “brave”

Analizzando lo stesso fenomeno per genere, l’incremento dei diplomati con voto 100 e 100 e lode riguarda sia i ragazzi che le ragazze; tuttavia, spicca l’aumento di studentesse “brave” negli indirizzi Tecnici (+0,9% rispetto all’anno scolastico 2015/16).

Votazione finale: al classico voti più alti e al professionale più bassi

Il focus si concentra anche sulla votazione finale per indirizzo di studio e sulla composizione media del voto fra crediti e prove. Al Classico la votazione finale media più alta (83,5), nei Professionali (indirizzi legati al settore industria e artigianato) quella più bassa (71,7).
Un approfondimento a parte è dedicato anche ai diplomati del progetto Esabac, che consente di conseguire il doppio diploma, italiano e francese e alla valutazione della seconda prova scritta nei Licei scientifici. In particolare, per quanto riguarda il secondo scritto dello Scientifico, emerge che l’82,4% dei maturandi nel 2017 ha scelto il problema con la formulazione più tradizionale, il 75,5% ha raggiunto una valutazione positiva.

IL FOCUS COMPLETO DEL MIUR QUI

Preparazione concorso ordinario inglese