Home Generale Faraone a Brancaccio nella Casa Museo di padre Puglisi

Faraone a Brancaccio nella Casa Museo di padre Puglisi

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone, ha commentato il senso della visita alla casa museo realizzata a Brancaccio nell’appartamento in cui ha vissuto padre Puglisi, il prete vittima della mafia e beatificato dal Papa

 

{loadposition corso-leggere-arte}

ICOTEA_19_dentro articolo

 

“Quando Matteo Renzi era da poco diventato premier siamo venuti qui a Brancaccio a incontrare gli studenti in occasione dell’anniversario dell’omicidio di padre Pino Puglisi. Avevamo preso un impegno, quello di costruire le condizioni perché la scuola potesse essere un luogo aperto, in grado di rimuovere ostacoli sociali o culturali, uno spazio che riuscisse a coinvolgere le famiglie, le associazioni del terzo settore, il territorio. Un centro che promuovesse l’appartenenza, che accogliesse l’altro in una dimensione di costante apertura, che formasse buoni cittadini. L’abbiamo fatto con la ‘Buona Scuola’, continuiamo a farlo con ogni mezzo e occasione possibile”.

A fare da guida gli allievi della direzione didattica Orestano di Brancaccio, impegnati da aprile in un progetto di educazione alla cittadinanza e alla legalità, promosso e finanziato per 50mila euro dal Miur, nell’ambito delle iniziative previste dalla legge 440.

“Bambini e bambine siciliani così distanti temporalmente dal Beato Puglisi sono stati così consapevoli dell’importanza della sua esperienza di vita e del suo martirio – ha aggiunto Faraone – questo mi conferma che la strada intrapresa è quella giusta. Giorno dopo giorno continueremo a mantenere l’impegno per queste nuove generazioni e per chi ha creduto tanto in loro al punto da perdere la propria vita”.

I giovani allievi della scuola primaria hanno fatto da guide all’interno della Casa museo del Beato Giuseppe Puglisi, esponendo tra una stanza e l’altra quanto hanno avuto modo di approfondire nei mesi scorsi durante il percorso di conoscenza della figura del Beato, previsto dal progetto scolastico “Il Beato Giuseppe Puglisi e l’educazione autentica”.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese