Home Generale Femminicidio: i numeri spaventosi

Femminicidio: i numeri spaventosi

CONDIVIDI

Numeri spaventosi quelli che riguardano la violenza degli uomini contro le donne, non solo per la conta delle vittime, 107 in un anno le donne morte in Italia per mano di un uomo, quanto per due percentuali: l’85% degli omicidi contro le donne in Italia sono femminicidi, commessi dal partner, dal marito o da un familiare; il 47% delle donne uccise a livello mondiale è stata ammazzata dal compagno o da un componente della propria famiglia.

Significa, sottolinea Il Sole 24 Ore, che la violenza matura all’interno di relazioni tossiche, che accanto alla questione femminile, di cui da più di mezzo secolo si dibatte pubblicamente, esiste una questione maschile altrettanto potente che è rimasta sepolta. E che investe la perdita di autorità degli uomini davanti alle conquiste femminili in termini di lavoro, autonomia e libertà, e l’incapacità di elaborarla collettivamente, come hanno fatto le donne.

 

ICOTEA_19_dentro articolo

{loadposition eb-sviluppo-psicologico}

 

E fra le iniziative adottate per contrastare la “mala Bestia”, ha fatto bene la presidente della Camera, Laura Boldrini, a pubblicare alcuni degli insulti pesantissimi che ogni giorno da anni riceve su Facebook e su Twitter: «Questa si può definire libertà di espressione?». E infatti poco dopo il vertice internazionale di Facebook le ha chiesto un incontro.

Il dilagare dell’”hate speech”, dei discorsi d’odio, il cui bersaglio privilegiato sono le donne, è il sintomo di una malattia più vasta. E più di ogni approccio securitario, è la prevenzione la chiave per voltare pagina.

CONDIVIDI