Home Sicurezza ed edilizia scolastica Formazione di RSPP, ASPP, RLS, addetti antincendio e preposti

Formazione di RSPP, ASPP, RLS, addetti antincendio e preposti

CONDIVIDI

Da una relazione di INDIRE si riportano le tipologie di formazione delle figure professionali adette alla sicurezza delle nostre scuole:

RSPP : Prima di nominare un RSPP interno, il DS dovrà assicurare la frequenza ad un corso formativo ex D.Lgs. 195/03 dedicato al settore ATECO 8: modulo A (28 ore), B (24 ore), C (24 ore), con verifiche d’apprendimento. Inoltre è previsto un aggiornamento quinquennale di 40 ore. Se RSPP esterno, il DS dovrà verificare il possesso dei medesimi requisiti formativi

Icotea

ASPP : Prima della nomina, il DS dovrà assicurare la frequenza ad un corso formativo ex D.Lgs. 195/03 dedicato al settore ATECO 8: modulo A (28 ore), B (24 ore), con verifiche d’apprendimento Previsto aggiornamento quinquennale di 28 ore

La frequenza al modulo C (24 ore) risulta opportuna

RLS: Il DS dovrà assicurare la formazione prevista di almeno 32 ore, di cui 12 sui rischi specifici del comparto scuola (megliose diversificati tra I°e II°ciclo), con verifica di apprendimento + aggiornamento periodico di almeno 8 ore/anno (modalità da stabilire in sede di contrattazione collettiva nazionale), da effettuarsi in orario di lavoro (art. 37 c. 10, 11, 12, art. 50 lett. g)

Addetti antincendio: Il DS dovrà assicurare una formazione di 8 ore per presenze contemporanee per edificio inferiori a 300, di 8 ore con esame di idoneità tecnica (presso VVF) tra 300 e 1000 presenze contemporanee per edificio, di 16 ore con esame di idoneità tecnica (presso VVF) per presenze contemporanee superiori a 1000 per edificio (D.M. 10/3/98)

Preposti (Insegnanti tecnico pratici e docenti teorici che insegnano discipline tecniche o tecnicoscientifiche, durante l’utilizzo dei laboratori)

Il DS dovrà assicurare la formazione prevista dall’art. 37 c. 7 e relativo aggiornamento, previa individuazione dei preposti. Non è necessario alcun atto formale di nominada parte del DS, essendo tale figura individuabile già sulla base dei compiticoncretamente svoltidal lavoratore.Deve però essere redatta e pubblicata una lista delle persone individuate come preposti, indicando, per ognuno di questi e in modo preciso, i soggetti nei confronti dei quali si intende esercitato tale ruolo.