Home Attualità Freaky Hoody, il maestro spaventoso. I genitori insorgono, ma ecco perché la...

Freaky Hoody, il maestro spaventoso. I genitori insorgono, ma ecco perché la pedagogia ama i freak

CONDIVIDI

Succede in Francia. Il maestro super tatuato che si fa chiamare Freaky Hoody, Hoody il mostruoso, fa insorgere i genitori di una scuola dell’infanzia. “Spaventa i bambini,” si lamentano. E l’insegnante più tatuato della Francia, prontamente, viene destinato alla scuola primaria e media.

Ma davvero, un uomo così, non è adatto per bambini molto piccoli? Non sarà paura della diversità? E la scuola non dovrebbe invece vincerla, questa paura, insegnando ad amare il diverso, come davanti a un qualunque Quasimodo, il deforme campanaro di Notre-Dame, nel romanzo di Victor Hugo? Un’idea pedagogica che i francesi dovrebbero conoscere molto bene, e che sta alla base anche della scuola italiana. Per questo, tra l’altro, ci è piaciuta la canzone di Levante, quest’anno, al Festival di Sanremo, Tikibombom, col suo Ciao tu, freak della classe.

Icotea

Ad ogni modo, sul sito di Repubblica leggiamo la difesa del protagonista:  “Superato il primo stupore stabiliamo (con i bambini) una buona relazione e mi trovano anzi molto cool”.

Insomma, i freak piacciono ai bambini, se i bambini hanno il tempo di abituarsi a loro e di comprenderli; e di sicuro piacciono alla pedagogia.