Home Attualità Gelmini sul prolungamento dell’anno scolastico: non si farà per colpa dei sindacati

Gelmini sul prolungamento dell’anno scolastico: non si farà per colpa dei sindacati

CONDIVIDI
  • Credion

La ministra degli Affari regionali Mariastella Gelmini attacca i sindacati sul tema della riapertura delle scuole e dell’ipotesi del prolungamento del calendario scolastico fino a fine giugno, per il recupero degli apprendimenti e per compensare l’eccessivo ricorso alla DaD: “Sarebbe bastato allungare l’anno scolastico come aveva detto il premier Mario Draghi in Parlamento, invece i sindacati non hanno voluto. Per colpa loro ci dobbiamo inventare le metropolitane che volano”. Lo dichiara alla Stampa in tono polemico, dopo l’incontro tra Governo e regioni che ha ridefinito il piano scuola a partire dal 26 aprile e che, a seguito della riunione con il Cts, ha dato il via alla proroga dello stato di emergenza fino al 31 luglio.

Il ritorno in classe, parziale per i ragazzi delle scuole superiori, dunque, avverrà secondo lo stesso calendario di sempre.

Icotea

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook

La riapertura in sicurezza conterà probabilmente su una maggiore attenzione al nodo dei trasporti e su un incremento dei tamponi, a vantaggio del tracciamento. Tuttavia, mancano ancora le linee operative che detteranno la formula di questi cambiamenti e che dovranno essere integrate nel nuovo protocollo di sicurezza che andrà ad aggiornare il precedente.

Lucia Azzolina sul piano scuola

Un argomento, quello del protocollo di sicurezza e del piano scuola, rispetto al quale la ex ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, intervistata dal quotidiano La Sicilila, rivendica: “Credo che si debba riprendere il piano scuola che avevamo scritto a giugno. C’è già tutto lì, per il rientro al cento per cento: dalla concessione alle singole autonomie scolastiche di prevedere delle rotazioni in base a spazi e distanziamento, agli accordi scritti per individuare luoghi esterni, come teatri e musei”.

LEGGI ANCHE