Home Personale Gestione separata Inps: aliquote, massimali e minimali per il 2021

Gestione separata Inps: aliquote, massimali e minimali per il 2021

CONDIVIDI
  • Credion

Con circolare n. 12 del 5 febbraio scorso l’Inps ha inricato le aliquote contribuitive, i massimali e i minimali di reddito per il 2021 relativi alla Gestione separata, anche alla luce delle novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2021.

Circolare INPS n. 12 del 5 febbraio 2021

Le aliquote dovute per la contribuzione alla Gestione separata per l’anno 2021 sono complessivamente fissate come segue:

Icotea
Collaboratori e figure assimilateAliquote
Soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie per i quali è prevista la contribuzione aggiuntiva DIS-COLL34,23% (33,00 IVS + 0,72 + 0,51 aliquote aggiuntive)
Soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie per i quali non è prevista la contribuzione aggiuntiva DIS-COLL33,72% (33,00 IVS + 0,72 aliquota aggiuntiva)
Soggetti titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria24%
ProfessionistiAliquote
Soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie25,98% (25,00 IVS + 0,72 aliquota aggiuntiva + 0,26 Iscro)
Soggetti titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria24%

Massimale e Minimale

Massimale

Per l’anno 2021 il massimale di reddito previsto dall’articolo 2, comma 18, della legge n. 335/1995 è pari a € 103.055,00. Pertanto, le aliquote per il 2021 si applicano, con i criteri sopra indicati, facendo riferimento ai redditi conseguiti dagli iscritti alla Gestione separata fino al raggiungimento del citato massimale.

Minimale – Accredito contributivo

Per l’anno 2021 il minimale di reddito previsto dall’articolo 1, comma 3, della legge 2 agosto 1990, n. 233, è pari a € 15.953,00.

Conseguentemente, gli iscritti per i quali è applicata l’aliquota del 24% avranno l’accredito dell’intero anno con un contributo annuo di € 3.828,72, mentre gli iscritti per i quali il calcolo della contribuzione avviene applicando l’aliquota maggiore avranno l’accredito con un contributo annuale pari ai seguenti importi:

– 4.144,59 (di cui 3.988,25 ai fini pensionistici) per i professionisti che applicano l’aliquota del 25,98%;

– 5.379,35 (di cui 5.264,52 ai fini pensionistici) per i collaboratori e le figure assimilate che applicano l’aliquota al 33,72%;

– 5.460,71 (di cui 5.264,52 ai fini pensionistici) per i collaboratori e le figure assimilate che applicano l’aliquota al 34,23%.

Reddito minimo annuoAliquotaContributo minimo annuo
€ 15.953,0024%€ 3.828,72
€ 15.953,0025,98%€ 4.144,59 (IVS € 3.988,25)
€ 15.953,0033,72%€ 5.379,35 (IVS € 5.264,52
€ 15.953,0034,23%€ 5.460,71 (IVS € 5.264,52)