Home Generale Gilda: a Parma indetto lo sciopero della scheda nulla

Gilda: a Parma indetto lo sciopero della scheda nulla

CONDIVIDI
webaccademia 2020

La Gilda degli Insegnanti (Federazione Gilda Unams) dopo aver constatato la poca efficacia, che di fatto è anche poca volontà, delle forze politiche tutte di mettere fine alla vergogna delle schedature sindacali nei confronti di tutti i dipendenti statali Parmensi, e degli insegnanti in particolare, di fronte al mancato ritiro o rettifica del provvedimento emesso lo scorso 15 gennaio dal Ministero dell’Economia, per il tramite della Ragioneria dello Stato, che non ha precedenti dal dopoguerra ad oggi, indice formalmente la protesta della scheda nulla in occasione delle prossime elezioni amministrative ed europee.
Una prima assemblea sindacale contro questo clima dittatoriale, che le segreterie provinciali dei partiti politici stanno cercando di far rimanere sotto traccia, è stata indetta dal Coordinatore provinciale Salvatore Pizzo per giovedì 13 marzo dalle ore 8 alle ore 10 presso la Scuola “Cocconi” in Piazza Picelli, è invitato il personale scolastico delle seguenti scuole: “Rondani”, “Bodoni”, “Romagnosi”, “Ulivi”, “Marconi”, “Galilei-Bocchialini”, “ Istituto Comprensivo Parmigianino, Istituto Comprensivo Bocchi, Istituto Comprensivo “Ferrari” e Direzione Didattica “F.lli Bandiera”.
Chiunque, e solo in Provincia di Parma, vuole cancellarsi o iscriversi ad un sindacato per vedersi validata la propria decisione deve chiedere la controfirma al proprio preside (nel caso della scuola), del capo ufficio negli altri enti pubblici.
Questo di fatto blocca la libertà sindacale perché non intendiamo sottostare a questo controllo dittatoriale della libera opinione sul luogo di lavoro, inoltre è ancora più assurdo che ciò debba valere solo per la Provincia di Parma.
Cosa ci sia dietro tutto ciò non sappiamo, abbiamo esperito tutte le iniziative possibili cercando ragionevolezza presso le istituzioni e invitando i partiti politici a fare la loro parte, ovvero quella di disporre.
Ben vengano le interrogazioni parlamentari, ma dai partiti della maggioranza ci aspettiamo interventi concreti, l’indirizzo politico della pubblica amministrazione spetta a loro quindi devono disporre, avere voce in capitolo, nelle decisioni e non interrogare.
A meno che non si voglia sostenere che siamo nella dittatura dei burocrati e che i politici prendono i voti e non contano nulla, se è così afferma Salvatore Pizzo, coordinatore della Gilda “meritano il nulla”. Altre assemblee saranno organizzate nei giorni successivi.

Preparazione concorso ordinario inglese