Home Sicurezza ed edilizia scolastica Gioia Tauro: feriti 4 studenti per il crollo dell’intonaco in una scuola

Gioia Tauro: feriti 4 studenti per il crollo dell’intonaco in una scuola

CONDIVIDI
  • Credion

“Avremmo voluto non sentire più certe notizie!” esclama con forte disappunto la Segretaria provinciale della Flc Cgil di Reggio Calabria.

Il commento si riferisce alla notizia che 4 studenti dell’Istituto Comprensivo “Campanella” di Gioia Tauro sono rimasti feriti dal crollo dell’intonaco della loro scuola. In una provincia dove fare scuola è veramente difficile, dove la” Scuola”, quella veramente Buona, è fatta con il grande sacrificio di insegnanti pronti a riscattare le manchevolezze di uno Stato che investe sempre meno in istruzione, ancora meno in edilizia scolastica. 
Oggi a Gioia Tauro poteva essere l’ennesima tragedia, dovuta all’incuria di chi non pensa che gli studenti hanno il diritto di fare scuola nel pieno della sicurezza senza rischiare la propria vita. 
La Flc Cgil di Reggio Calabria chiede a gran voce di sapere dove siano finiti i 4 miliardi di euro che sarebbero dovuti essere investiti in edilizia scolastica e che avrebbero dovuto evitare episodi come quello vissuto oggi nella scuola media di Gioia Tauro. 
Di chi è la colpa? Di chi sono le responsabilità di quanto accaduto? Interrogativi a cui deve essere data immediatamente una risposta. La Flc Cgil di Reggio Calabria lo chiede al Prefetto del capoluogo della città dello stretto, ma lo chiede anche a Palazzo Chigi, perché si intervenga a mettere in sicurezza tutte le scuole della provincia, della Calabria e della Nazione. 
L‘investimento nell’edilizia scolastica è una priorità assoluta, non ci si può girare dall’altra parte e fare finta che nulla sia accaduto, solo per il fatto che i calcinacci caduti addosso agli studenti non ne hanno causato la morte.
Sono 4 edifici scolastici su 10 ad avere ancora una manutenzione carente, oltre 1 plesso su 5 presenta lesioni strutturali, anche in zone ad alto rischio sismico. Nell’anno scolastico 2014-2015, sono accaduti 340 incidenti a studenti e personale, e i dati parziali del 2015-2016, hanno già superato i 350 incidenti. 
Intanto la Dirigente Scolastica dell’IC “Tommaso Campanella” di Gioia Tauro ha disposto, in via precauzionale, la chiusura dell’istituto fino a lunedì. Anche la Procura della Repubblica di Palmi ha avviato subito un’inchiesta sul crollo, per accertare le responsabilità. È stato disposto, dal Sostituto Procuratore della Repubblica Enrico Barbieri, il sequestro dell’aula in cui è avvenuto l’episodio e di quella al piano superiore, in modo da consentire gli accertamenti e le verifiche sulla stabilità strutturale della scuola. 

Icotea