Home Alunni Gli studenti italiani e l’era Covid. Meno della metà si sente fiducioso...

Gli studenti italiani e l’era Covid. Meno della metà si sente fiducioso sul proprio futuro

CONDIVIDI
  • GUERINI

Chegg.org, il braccio no profit della società edtech Chegg della Silicon Valley, ha sondato quasi 17.000 studenti universitari di età compresa tra 18 e 21 anni in 21 paesi in tutto il mondo, tra cui 700 studenti in Italia, per capire le speranze e le paure degli studenti universitari in tutto il mondo nell’era COVID e oltre.

E il risultato è stato singolare, se non addirittura sorprendente. Infatti mostra che gli studenti italiani sono d’accordo con i loro coetanei in tutti i 21 paesi quando si tratta di come l’istruzione superiore dovrebbe contemplare l’apprendimento online. 

Icotea

Due terzi (65%) degli gli studenti di tutti i paesi intervistati affermano che preferirebbero che la loro università offrisse l’opzione di maggiore insegnamento online se ciò significasse pagare tasse universitarie più basse. 

In tutti i 21 paesi intervistati, il numero di studenti che preferirebbe che la propria università offrisse l’opzione di maggiore insegnamento online se ciò significasse pagare tasse più basse è significativamente maggiore rispetto agli studenti che non desiderano tale opzione.  

E ancora. 

Meno della metà (45%) degli studenti italiani si sente fiduciosa riguardo alle proprie finanze future, il secondo dato più basso di tutti i paesi intervistati dopo il Giappone (31%). 

In confronto, i paesi in cui gli studenti si dichiarano più fiduciosi sono Cina e Kenya (84%). Questo nonostante solo il 6% degli studenti italiani affermi di avere un debito o un prestito legato ai propri studi universitari, il dato più basso di qualsiasi paese intervistato insieme alla Russia (6%).

Inoltre, gli studenti italiani affermano di aver dedicato in media 27 ore a settimana allo studio durante il lockdown per COVID-19: si tratta del dato più alto di tutti i paesi intervistati, pari solo a Germania e Messico (entrambi 27 ore). Seguono Argentina (26 ore), Russia e Spagna (25 ore).

Il 47% degli studenti italiani afferma di aver dedicato più tempo ai propri studi durante il lockdown rispetto a prima, contro solo il 23% che dichiara di avervi dedicato meno ore.

Il sondaggio mostra inoltre che un quarto (25%) degli studenti italiani afferma che la propria salute mentale ha sofferto durante il periodo di COVID-19, il dato più basso di tutti i 21 paesi intervistati insieme alla Russia (29%).

Al contempo, solo un terzo (33%) degli studenti italiani pensa che le minoranze etniche siano ben rappresentate nella loro università, il terzo dato più basso di qualsiasi paese intervistato dopo Corea del Sud (11%), Giappone (18%) e Malesia (25%).

Oltre nove studenti italiani su 10 (92%) affermano che la loro università ha interrotto l’insegnamento in presenza durante la pandemia di COVID-19, il terzo dato più alto di tutti i paesi intervistati dopo Giappone (96%) e Brasile (93%).