Home Politica scolastica Governo M5S-PD, no alle classi pollaio, più soldi ai docenti, istruzione gratuita....

Governo M5S-PD, no alle classi pollaio, più soldi ai docenti, istruzione gratuita. Il programma [PDF]

CONDIVIDI

Alle 10:00 di giovedì 5 settembre si svolgerà al Quirinale il giuramento del governo Conte bis con Lorenzo Fioramonti ministro dell’Istruzione.

Intanto le forze politiche che compongono la nuova maggioranza di governo (M5S, PD e LEU) hanno messo a punto il nuovo programma: dai 10 iniziali si è passati a 26 poi addirittura a 29, nella versione definitiva.

I 29 punti del programma di governo

Dalla neutralizzazione dell’aumento dell’Iva alla necessità di maggiore flessibilità in Ue; dalla crescita alla riduzione del cuneo fiscale fino all’impegno per un Green new deal, a un piano di edilizia residenziale pubblica allo stop delle nuove concessioni per le trivellazioni. E poi il taglio dei parlamentari, la nuova legge elettorale, infrastrutture che tengano conto dell’impatto ambientale e sociale, la legge sul conflitto di interessi, la lotta alla mafia, la riforma fiscale, il Sud e l’accesso alla Rete: sono i temi principali dei 29 punti in cui si articola il programma di governo.

ICOTEA_19_dentro articolo

La legge di bilancio

La legge di bilancio per il 2020 avrà come priorità la neutralizzazione dell’aumento dell’IVA, misure di sostegno alle famiglie e ai disabili, politiche per l’emergenza abitativa, misure di deburocratizzazione e di semplificazione amministrativa, il rafforzamento degli incentivi per gli investimenti privati, per «una politica economica espansiva, che indirizzi il Paese verso una solida prospettiva di crescita e di sviluppo sostenibile, senza mettere a rischio l’equilibrio di finanza pubblica.

Autonomia

Sull’autonomia, l’idea è di ripensare da capo tutto il processo, rimettendo in discussione le competenze da assegnare alle regioni con l’obiettivo esplicito di una autonomia “giusta e cooperativa” che eviti di “aggravare il divario tra il Nord e il Sud”.

La scuola

Al punto 22, nel dettaglio, spazio alla scuola: “è necessario intervenire contro le classi troppo affollate e valorizzare, anche economicamente, il ruolo dei docenti, potenziare il piano nazionale per l’edilizia scolastica e garantire la gratuità del percorso scolastico per gli studenti provenienti da famiglie con redditi medio-bassi, contrastare la dispersione scolastica e il bullismo”.

CLICCA QUI per scaricare il programma di governo integrale