Home Precari GPS 2022, in arrivo l’OM dopo i pareri del CSPI e del...

GPS 2022, in arrivo l’OM dopo i pareri del CSPI e del Consiglio di Stato. RIVEDI LA DIRETTA

CONDIVIDI

Sono ore febbrili per tantissimi docenti precari che aspirano ad entrare per la prima volta nelle Graduatorie provinciali per le supplenze o per aggiornare la loro posizione in GPS. Nei prossimi giorni uscirà l’Ordinanza Ministeriale per l’aggiornamento delle GPS 2022-2024 e così saranno note le date e le modalità per la presentazione della domanda. La Tecnica della Scuola Live ha organizzato una diretta alle ore 16 del 5 maggio, per parlare della prossima pubblicazione dell’O.M. di aggiornamento delle GPS. La diretta sarà condotta da Daniele Di Frangia, con la partecipazione dell’esperto di normativa scolastica prof. Lucio Ficara e dell’esperto di diritto scolastico avv. Dino Caudullo.

SEGUI LA DIRETTA

Parere Consiglio di Stato su GPS

Il Consiglio di Stato sottolinea l’errore di avere escluso dal regolamento delle supplenze le tabelle di valutazione dei titoli, specificando che il Ministero dell’Istruzione ha utilizzato altri provvedimenti, di natura non regolamentare, per introdurre le tabelle di valutazione dei titoli di accesso alle graduatorie nonché degli ulteriori titoli valutabili; i titoli per l’attribuzione delle supplenze da graduatorie di istituto per l’insegnamento della lingua inglese su posti di scuola primaria; la “regolamentazione” degli elenchi aggiuntivi alle GPS.

Icotea

Alcuni provvedimenti enunciati e trapelati tramite delle bozze fatte circolare, sono stati oggetto di osservazione da parte del Consiglio di Stato:

  • Come per esempio le possibili conseguenze di una cancellazione della seconda fascia GPS della scuola primaria e dell’infanzia;
  • Il calcolo della maturazione del triennio di insegnamento sul sostegno, senza potere calcolare l’anno in corso, per potere accedere alla II fascia sostegno, comporterà l’esclusione di tanti aspiranti;
  • chiarire cosa si intenda per “dichiarazioni non corrispondenti a verità”, distinguendo mendacio doloso da inesattezze colpevoli. Distinzione rilevante anche al fine di comprendere quando si proceda a “rettifica” o invece ad ”esclusione”;
  • chiarire che il “controllo/verifica” del punteggio assegnato va effettuato prima e non dopo l’approvazione delle graduatorie;
  • chiarire se gli interessati, al momento della domanda, siano o meno in condizione di conoscere le sedi per le quali vi saranno disponibilità, un dato che merita di essere esplicitato e soppesato, stante gli effetti connessi alla mancata indicazione delle preferenze.