Home Archivio storico 1998-2013 Generico Graduatorie d’istituto, domande entro il 20 luglio 2002

Graduatorie d’istituto, domande entro il 20 luglio 2002

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Precari a blocchi di partenza per la mini-riapertura dei termini di presentazione delle domande di inclusione nelle graduatorie d’istituto e di circolo. Il Ministero dell’istruzione, infatti, ha emanato una circolare (n.68/2002), con la quale ha fissato il termine del 20 luglio, per la presentazione delle istanze ed ha fornito le indicazioni necessarie per la compilazione delle domande.
Il beneficio è rivolto solo a coloro che non sono inclusi nelle permanenti. Vale a dire: ai precari abilitati e a coloro che sono in possesso del titolo per insegnare la disciplina richiesta.

Dunque, agli aspiranti che concorrono per essere inseriti nella seconda e nella terza fascia delle graduatorie d’istituto.

Resta il fatto, però, che le posizioni di coloro che sono già in graduatoria non saranno toccate dai nuovi inserimenti, perché la seconda e la terza fascia degli elenchi d’istituto hanno valore triennale. E a questo proposito, Il Ministero ha disposto la suddivisione delle ultime fasce in 3 blocchi. Nel primo saranno collocati coloro che erano già inclusi nelle vecchi graduatorie d’istituto, che conserveranno il posto e il punteggio acquisiti.

Nel secondo blocco prenderanno posto gli aspiranti già inseriti nelle vecchie graduatorie che, però, hanno deciso di cambiare le sedi (preferenze) espresse nella domanda. Infine, nel terzo blocco, saranno inseriti tutti coloro che presenteranno la domanda per la prima volta. La prima fascia delle graduatorie d’istituto seguirà, invece, le sorti delle permanenti. E dunque, gli interessati non dovranno presentare alcuna domanda in aggiunta all’apposita istanza già presentata a suo tempo.

Gli incarichi saranno conferiti scorrendo le fasce fino al loro esaurimento.

Per visionare la circolare ministeriale n. 68 del 14 giugno 2002 e scaricare i modelli di domanda e le Tabelle, consulta "Ulteriori approfondimenti".

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese