Home Archivio storico 1998-2013 Generico I capi d’istituto sceglieranno i collaboratori

I capi d’istituto sceglieranno i collaboratori

CONDIVIDI
  • Credion

Dal 1° settembre i docenti collaboratori del dirigente scolastico cesseranno di essere eletti dal Collegio dei docenti e saranno designati direttamente dal Capo d’istituto. E’ quanto riferisce il Ministero della Pubblica Istruzione, con la circolare n.193 del 3 agosto 2000, riportando un parere del Consiglio di Stato. I giudici della Suprema corte amministrativa, interpellati sull’argomento dal dicastero di viale Trastevere, hanno espresso la convinzione che le nuove disposizioni che regolano l’istituto siano immediatamente applicabili. Si tratta del 5° comma dell’articolo 25 – bis del Decreto legislativo n.29 del 1993 che così dispone: "Nello svolgimento delle proprie funzioni organizzative e amministrative il dirigente può avvalersi di docenti da lui individuati, ai quali possono essere delegati specifici compiti".
Appare evidente che, stando così le cose, risulta ormai abrogato il comma 2, lettera h, dell’art. 7 del decreto legislativo n. 297/94, riguardante la competenza del collegio dei docenti in materia. E’ ragionevole credere che i capi d’istituto, almeno per quest’anno, finiranno per confermare gli attuali collaboratori, anche in forza della necessità di non creare inutili tensioni che potrebbero pregiudicare il sereno svolgersi dell’attività didattica.

Elemento, questo, quanto mai necessario in vista della necessità di raggiungere i  risultati previsti dalla legge, che saranno anche oggetto di giudizio da parte dell’Istituto nazionale per la valutazione del sistema dell’istruzione.