Home Generale I carabinieri nelle scuole contro i “botti”

I carabinieri nelle scuole contro i “botti”

CONDIVIDI

“A Capodanno lascia che ad esplodere sia solamente la gioia”. È una delle frasi pubblicate sull’opuscolo che i carabinieri del Comando provinciale di Cagliari hanno distribuito a 150 ragazzi delle scuole secondarie di primo grado “Alfieri”, “Satta-Spano-De Amicis” e “Santa Caterina” nel corso della lezione in materia di fuochi pirotecnici e petardi organizzata nell’aula polifunzionale del Comando Legione Carabinieri Sardegna.

 Personale specializzato delle squadre antisabotaggio (artificieri e cinofili) ha illustrato agli studenti le norme che regolano l’acquisto, il trasporto e l’impiego dei giochi pirotecnici e dei petardi, soffermandosi sui gravi rischi per l’incolumità personale che si corrono nel maneggio dei prodotti illegali, anche inesplosi, e nell’uso improprio di quelli legali.

 

ICOTEA_19_dentro articolo

{loadposition carta-docente}

 

Particolare attenzione è stata dedicata a spiegare le ragioni del divieto di acquisto e utilizzo degli giochi pirotecnici per i minori di 14 anni, nonché i modi per distinguere i prodotti legali da quelli illegali.

A tutti gli studenti è stato consegnato un opuscolo informativo con tutte le regole da seguire. Al termine dell’incontro, che ha particolarmente incuriosito i ragazzi, cinofili e artificieri hanno simulato un intervento per fuochi artificiali inesplosi. (ANSA).   

CONDIVIDI