Home Università e Afam I futuri manager possono studiare anche in Italia: la Bocconi tra le...

I futuri manager possono studiare anche in Italia: la Bocconi tra le migliori “Business School Europee”

CONDIVIDI
  • Credion

La bocconi tra i tetti d’Europa. L’università Milanese si conferma infatti una delle migliori “Business School Europee”, risultato ottenuto grazie ai risultati ottenuti dall’Ateneo e dalla sua scuola di direzione aziendale nei vari ranking del Financial Times nel corso del 2018. Master e corsi per manager hanno permesso inoltre di consolidare un eccellente sesto posto nella classifica Ft.

La classifica viene stilata partendo dai risultati ottenuti dalla scuole europee in quattro dei cinque ranking che il quotidiano realizza durante l’anno relativi ai master in management, all’Mba, all’Executive Mba e alla formazione manageriale relativamente ai corsi custom e agli open, mentre invece rimane fuori la classifica dei Master in Finance.
I punteggi si ottengono per il 50% tramite le interviste agli studenti che hanno lasciato gli atenei da almeno tre anni e l’altro 50% su altri indicatori che fanno riferimento a determinate caratteristiche tipo ad esempio i programmi e il salario percepito dopo tre anni di laurea.

Icotea

Per gli studenti dell’Ateneo Milanese la possibilità di fare un’esperienza internazionale completa e soprattutto la certezza in termini di salario e carriera (dopo la laurea trovano impiego il 100% degli studenti). Sono questi gli aspetti principali che spingono così in alto la Bocconi che tra le altre cose appare al 4° posto anche nella classifica dei migliori Global Masters in Management.

Anche altre Università italiane hanno ottenuto un ottimo posizionamento, come per esempio la  “School of Management del Politecnico di Milano” classificata al 42° posto, ma tra le prime 5 con competenze verticali come Ingegneria. Figura solo all’88 posto la Luiss di Roma che però risale di 5 posizioni rispetto alla classifica dello scorso anno.

Dando uno sguardo all’Europa, il Paese meglio rappresentato è la Gran Bretagna con addirittura 7 Business School tra le prime 25, mentre la Francia conta 25 università tra le 95 dell’intera classifica.

I vincitori in assoluto sono: la London Business School come Università e l’Insead come miglior programma MBA per i futuri manager che arrivano a guadagnare una volta usciti  dal master, fino a 177 Mila dollari l’anno.

Interessante il grande balzo in avanti della Essec Business School di Parigi passata dal 23° all’8° posto, mentre le due School con maggior equilibrio tra uomini e donne sono la  francese Edhec e la spagnola IE, entrambe con il 40 per cento di docenti donne.

Tra le migliori scuole per aspiranti manager d’Europa figura (11esimo posto nella classifica generale) l’ESCP Europe, la più antica Business school del mondo e prima ad aver introdotto anche il modello multicampus con le sue sei sedi sparse nelle città di Berlino, Londra, Madrid, Parigi, Torino e Varsavia. ESCP Europe, quest’anno ha ricevuto inoltre  l’accreditamento come Università straniera in Italia da parte del Miur è prima al mondo per progressione di carriera e quinta per Master in Management (MIM).

In un panorama europeo di forte competizione nel mercato internazionale dell’education, la Bocconi e la SDA Bocconi School of Management dimostrano, quindi di potersi confrontare con successo da anni con i migliori competitor europei.

Una parte di scuola Italiana, anche se quella di “elite” è sicuramente di eccellenza.