Home Archivio storico 1998-2013 Generico I giovani cambiano: musica leggera al posto della politica

I giovani cambiano: musica leggera al posto della politica

CONDIVIDI

L’attenzione nei confronti della vita politica è in calo: due giovani italiani su tre dichiarano di non esserne minimamente interessati soprattutto perché "si tratta di un argomento molto complicato": il dato è contenuto in un recente volume dell’Istat che riporta i risultati dell’indagine "Aspetti della vita quotidiana" condotta nel corso del 1999 su un campione di circa 20mila famiglie, per un totale di più di 55mila persone.
Ma non è solo la politica a interessare di meno: anche la lettura dei quotidiani è in calo (si passa dal 64% del 1997, al 61% del 1998 per arrivare al 60% scarso del 1999); diminuiscono sensibilmente i lettori e gli appassionati di cinema, mentre – soprattutto fra i giovani – aumenta l’affluenza ai concerti di musica leggera.
L’attività sportiva si conferma invece uno dei modi preferiti di utilizzo del tempo libero; la pratica sportiva di tipo "continuativo" è molto più frequente fra i maschi dai 6 ai 17 anni (48% di praticanti dai 6 ai 10 anni, 60% dagli 11 ai 14 e 51% dai 15 ai 17 anni) e le femmine dai 6 ai 14 anni (42% dai 6 ai 10 anni e 43% dagli 11 ai 14).
La frequentazione degli amici non supera certamente l’interesse per la televisione ma si attesta pur sempre su percentuali significative: rispetto alle rilevazione dell’anno precedenti la quota di popolazione di 14 anni e più che incontra i propri amici tutti i giorni è in aumento (il 27% nel 1999 contro il 26% del 1998).
La possibilità di incontrare tutti i giorni gli amici dipende ovviamente dall’età: fino a 19 anni la quota di persone che frequenta quotidianamente gli amici è superiore al 60%, per poi diminuire rapidamente fino a raggiungere il minimo nella fascia di età dai 35 ai 54 anni (13-14%).
Nelle aree metropolitane e nei centri con più di 50.000 abitanti è meno diffusa, rispetto ai comuni di minori dimensioni, l’abitudine di incontrare gli amici tutti i giorni.

CONDIVIDI