Home Alunni I lavori più richiesti in Italia nel 2014

I lavori più richiesti in Italia nel 2014

CONDIVIDI
  • GUERINI

Per il settore delle vendite si prevede una costante richiesta di agenti, mentre per quanto riguarda il comparto informatica, It e telecomunicazioni i più richiesti saranno ancora gli sviluppatori software e gli esperti di business intelligence; i most wanted nell’ingegneria saranno, invece, gli ingegneri automazione industriale e gli ingegneri elettronici. Vediamo più da vicino queste professioni. Uno sviluppatore software è un programmatore che si prende cura di uno o più aspetti del ciclo di vita del software, che è un qualcosa di più ampio della programmazione. Questa figura può contribuire alla visione d’insieme del progetto ad un livello applicativo piuttosto che a livello di componenti o operazioni individuali di programmazione.

Gli esperti di business intelligence si inseriscono in uno scenario di mercato sempre più competitivo, dove avere a disposizione un’applicazione di Business Intelligence può fare la differenza. La Business Intelligence, infatti, permette alle aziende di prendere decisioni operative e strategiche, orientate alla riduzione dei costi e all’incremento della produttività, sulla base di maggiori dettagli informativi. La Business Intelligence consente di analizzare rapidamente una serie complessa di dati, come quelli economico-finanziari, di marketing, di vendita, di produzione, gestionali, di ricerca e sviluppo. Sono molto richieste le competenze degli ingegneri esperti in automazione industriale, in altre parole di coloro che si occupano principalmente della modellazione, della simulazione e del controllo di sistemi.

Icotea

Avendo un vasto campo di lavoro, l’ingegnere specializzato in questa materia deve avere ampie conoscenze in tutti i settori dell’ingegneria, e una visione di insieme delle leggi fisiche. Ad esempio, la robotica, applicazione tipica di questo ramo dell’ingegneria, si occupa del controllo di quegli apparati automatici che riproducono il lavoro umano. Altre applicazioni dell’ingegneria dell’automazione riguardano gli azionamenti elettrici, le smart grids (insieme di una rete di informazione e di una rete di distribuzione elettrica ) , il controllo di processi chimici, gli impianti manifatturieri, i sistemi elettronici di miglioramento delle prestazioni o della sicurezza a bordo dei veicoli (come ABS ed ESC) e la domotica.

Quindi investire su percorsi di studi che consentono di maturare queste competenze tecniche a elevata specializzazione, può essere davvero una scelta vincente.