Home Attualità I Nas: il Covid viaggia su treni e autobus

I Nas: il Covid viaggia su treni e autobus

CONDIVIDI
  • Credion

Il covid viaggia sui treni e gli autobus. Ciò significa che molti positivi, inconsapevoli o no, prendono i mezzi pubblici di trasporto col rischio reale di contagiare altri passeggeri. A segnalare questa ulteriore preoccupazione per la diffusione del virus, lo studio del Nucleo dei carabinieri per la tutela della Salute, che, su disposizione del Ministero della Salute, ha effettuato una campagna di controllo a livello nazionale.

I 736 tamponi effettuati dai carabinieri hanno interessato biglietterie, sale d’attesa e stazioni, oltre a 693 veicoli in tutta Italia, e hanno rivelato in decine di casi tracce di materiale genetico riconducibile al virus su obliteratrici, maniglie e barre di sostegno per i passeggeri, pulsanti di richiesta di fermata, oltre che sui seggiolini.

Il virus, come è stato più volte segnalato, viaggia sui mezzi pubblici dei quali i maggiori fruitori sono i lavoratori pendolari e anche moltissimi studenti delle scuole secondarie di secondo grado che, dai paesi dello Hinterland ma anche dalle periferie cittadine, ogni giorno si recano a scuola.

Lo studio dei NAS ha dunque evidenziato che circa il 10% degli controlli non contemplava l’osservanza delle misure raccomandate: dalla pulizia e la sanificazione dei mezzi alla mancanza dei cartelli di informazione sulle norme di comportamento a bordo dei mezzi e il numero massimo di persone ammesse.

 “Il riscontro della presenza di materiale genetico del virus sulle superfici dei mezzi di trasporto rivela con certezza il transito e il contatto di individui infetti a bordo dei mezzi, determinando la permanenza di una traccia virale, ma non è necessariamente indice di una effettiva capacità di virulenza o di vitalità del virus stesso”, precisano tuttavia i Nas.

Lo studio e le rilevazioni dei Nas riportano ancora una volta in primo piano quanto da  sempre è ripetuto dagli esperti: la pianificazione per evitare la diffusione del virus deve andare di pari passo con una attenta e rigorosa politica di implementazione e di controllo dei trasporti pubblici da parte di regioni e comuni. A partire dalla stretta osservanza delle norme anti-contagio.